Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 985 - Pozzo di Cima Paradise

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo di Cima Paradise
Nome principale sloveno
Numero catasto 985
Numero catasto storico 473FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Polcenigo
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 064141 - Coltura
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5102226,8
Longitudine Gauss-Boaga 2321656,6
Latitudine WGS-84 46° 2' 40,7755" (46,04465986)
Longitudine WGS-84 12° 26' 10,8717" (12,43635326)
Latitudine UTM WGS-84 5102205,0
Longitudine UTM WGS-84 301653,0
Quota ingresso 1271
Data esecuzione posizione 16-07-2014
Affidabilità posizione
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 3 x 2m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 35
Autore posizione Bottoli Costantino
Gruppo appartenenza GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 8
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 36
Dislivello totale 36
Quota fondo 1235
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si trova presso un sentiero che costeggia il bosco all'altezza del Can di Piera, sul declivio di un avvallamento che è uno dei primi di una lunga serie che dal Can di Piera scendono verso Sacile.
Descrizione dei vani interni della cavità Due metri sotto l'ingresso il pozzo si allarga e qualche metro più in basso ancora si scorge un ponte di roccia. Sul fondo, fra un caos di detriti e tronchi d'abete, sono stati rinvenuti i resti di tre scheletri umani, tragica testimonianza della Seconda Guerra Mondiale.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 16-11-1958
Foto
Data dello scatto: 16-07-2014

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Bottoli Costantino

Gruppo di appartenenza: GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile

Data dello scatto: 16-07-2014

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Bottoli Costantino

Gruppo di appartenenza: GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile