Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 979 - Antro presso Prosecco

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Antro presso Prosecco
Nome principale sloveno
Numero catasto 979
Numero catasto storico 3921VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110052 - Prosecco
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5063596,0
Longitudine Gauss-Boaga 2420918,0
Latitudine WGS-84 45° 43' 7,0289" (45,71861913)
Longitudine WGS-84 13° 43' 36,3514" (13,72676427)
Latitudine UTM WGS-84 5063573,2
Longitudine UTM WGS-84 400912,1
Quota ingresso 226
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Parzialmente ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Tognolli Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 37
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 17.6
Dislivello totale 17.6
Quota fondo 208.4
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Questa singolare cavità è situata presso il cavalcavia della strada Prosecco-Gabrovizza.
Descrizione dei vani interni della cavità L'antro ha le pareti verticali rivestite da edera e piante rigogliose. Dal lato NNE è possibile scendere senza attrezzi e un'esile traccia corre sul detrito che digrada verso Sud, portando in un'ampia spianata coperta da pietrame che occupa la parte più profonda della cavità. Un muretto argina la massa dello sfasciume che altrimenti avrebbe invaso lo spiazzo, creato dagli austriaci per il ricovero delle truppe. Al riempimento della grotta hanno contribuito in modo determinante i contadini, che vi hanno gettato le rocce derivate dallo spietramento dei terreni vicini, ora trasformati in prati. Probabile abitazione preistorica, la cavità è stata però probabilmente troppo rimaneggiata perchè si possano ottenere risultati attendibili con uno scavo d'assaggio.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 07-10-1958