Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 967 - Grotta presso l'Abisso del Colle S. Primo

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta presso l'Abisso del Colle S. Primo
Nome principale sloveno
Numero catasto 967
Numero catasto storico 4160VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110052 - Prosecco
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5063972,8
Longitudine Gauss-Boaga 2419794,9
Latitudine WGS-84 45° 43' 18,6532" (45,72184811)
Longitudine WGS-84 13° 42' 44,1336" (13,71225934)
Latitudine UTM WGS-84 5063950,0
Longitudine UTM WGS-84 399789,0
Quota ingresso 252
Data esecuzione posizione 08-05-2015
Affidabilità posizione
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 4.00 x 2.50m
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 6.5
Autore posizione Potleca Michele
Gruppo appartenenza GTS - Gruppo Triestino Speleologi
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 24.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 11
Dislivello totale 11
Quota fondo 241
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre nella pineta del Monte San Primo ed è difficile individuarla essendo l'imbocco mascherato da arbusti e piante che crescono fin sul fondo del pozzo d'accesso. Pochi metri a Sud dell'ingresso si apre una grande dolina, mentre a settentrione, non molto distante, si trova l'Abisso del Colle S. Primo (126/160VG).
Descrizione dei vani interni della cavità Alla base del pozzo d'accesso si dipartono due brevi diramazioni, nelle quali le pareti si presentano nude e modellate da un'antica attività idrica.
La cavità è interessante per il ritrovamento, tra i sassi del cono detritico, di una grande quantità di cocci di epoca romana, appartenenti a grandi orci atti a contenere dei liquidi. La presenza di tali resti fittili potrebbe derivare dal fatto che la grotta venne probabilmente adibita a deposito di bevande ad uso di qualche guarnigione accampata nelle vicinanze.
Anche nell'Abisso del Colle S. Primo i primi esploratori rinvennero dei cocci romani.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 23-08-1958
Foto
Data dello scatto: 08-05-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Potleca Michele

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 08-05-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Potleca Michele

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 08-05-2015

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Potleca Michele

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi