Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 96 - Pozzo delle Vipere

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo delle Vipere
Nome principale sloveno
Numero catasto 96
Numero catasto storico 2940VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110052 - Prosecco
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5062520,0
Longitudine Gauss-Boaga 2422465,0
Latitudine WGS-84 45° 42' 32,9627" (45,7091563)
Longitudine WGS-84 13° 44' 48,6729" (13,74685357)
Latitudine UTM WGS-84 5062497,2
Longitudine UTM WGS-84 402459,0
Quota ingresso 246
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione 1° gruppo riposizionamento regionale su CTR 1:5000 (1999)
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 25
Autore posizione Premiani Furio
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 16
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 27
Dislivello totale 27
Quota fondo 219
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Ad oriente del paese di Prosecco, al di là della Strada Statale 202, non lontano dal maxi-pollaio di Prosecco e precisamente fra quest'ultimo e il Mobilificio Lanza, si estende una brulla landa carsica denominata Gadna Grisa (Campo delle Vipere); in questo terreno, accidentato dall'affioramento delle banconature calcaree modellate dall'erosione in un'infinita varietà di forme, si trovano alcune doline nude e dirupate. All'orlo meridionale di una di queste si apre l'imbocco del pozzo.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo, esplorato per la prima volta dal Club Touristi Triestini, dopo la prima decina di metri si allarga notevolmente in corrispondenza di due finestre; a SE si trovano alcuni ripiani in salita, il più orientale dei quali sormontato da un alto camino, mentre a Nord una breve china detritica conduce rapidamente alla massima profondità. Di roccia compatta e scabra nella prima parte, la grotta è invece ben concrezionata nella seconda (fondo, finestre e lato Nord).
Rilievo Completo - Effettuato in data: 08-12-1986