Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 953 - Grotta Grazia

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta Grazia
Nome principale sloveno
Numero catasto 953
Numero catasto storico 3950VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110113 - Padriciano
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5055957,7
Longitudine Gauss-Boaga 2429249,4
Latitudine WGS-84 45° 39' 3,6885" (45,65102458)
Longitudine WGS-84 13° 50' 6,7911" (13,83521976)
Latitudine UTM WGS-84 5055934,8
Longitudine UTM WGS-84 409243,2
Quota ingresso 364
Data esecuzione posizione 09-03-2008
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 3.5
Autore posizione Mikolic Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 22
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 13.5
Dislivello totale 13.5
Quota fondo 350.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre in un terreno prativo, a poca distanza dalla Grotta di Padriciano (1/12VG), di proprietà del sig. Calzi che, almeno nel 1958, abitava nell'ultima casa a destra sulla strada che porta da Padriciano a Gropada.
Descrizione dei vani interni della cavità Sceso il primo pozzo di poco più di tre metri, abbastanza stretto e malagevole, si arriva in una piccola cavernetta da cui si diparte un pozzo di 2,5m ed un breve cunicolo ostruito parzialmente da una grossa pietra che dà sul secondo pozzo; scesi gli otto metri del secondo pozzo passando per la parte più larga dello stesso, che a metà circa è diviso in due parti da una lama di roccia, si giunge su una china detritica concrezionata che copre interamente la superficie della camera principale. Le concrezioni qui sono simili ai coralli che popolano i fondali marini. Dalla camera si diparte in alto una stretta galleria che porta ad una piccola cameretta, ed in basso un breve pozzo profondo 1,80m.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 01-06-1958