Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 93 - Caverna Tripoli

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna Tripoli
Nome principale sloveno
Numero catasto 93
Numero catasto storico 241VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110054 - Santa Croce di Trieste
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5066215,7
Longitudine Gauss-Boaga 2418261,8
Latitudine WGS-84 45° 44' 30,5062" (45,74180727)
Longitudine WGS-84 13° 41' 31,5367" (13,69209352)
Latitudine UTM WGS-84 5066192,9
Longitudine UTM WGS-84 398256,0
Quota ingresso 176
Data esecuzione posizione 11-08-1999
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 3,8m x 3,8m
Tipo ingresso Caverna
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Sgambati Alessandro
Gruppo appartenenza ISP FOR - Ispettorato Ripartimentale Foreste
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 112
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 24
Dislivello totale 24
Quota fondo 152
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta è conosciuta col nome di "Tripoli", da quello di una vicina cava di pietra e si apre con un bel portale all'estremità di un solco poco profondo. Nel primo tratto le pareti hanno conservato in modo stupendo i profili e le sinuosità formatesi allorchè la cavità era un imponente inghiottitoio, mentre più all'interno tali caratteristiche sono state alterate da concrezioni e crolli.
A pochi metri dall'imbocco la grotta si divide in due bracci che si diramano in direzioni opposte; quello di sinistra giunge con breve percorso ad una caverna, alla quale si accede superando uno scivolo ed un breve salto. Una grande colata calcitica, che si divide in panneggi ed esili colonne, scende da un'apertura sotto la volta, alla quale sarebbero giunti con difficile arrampicata alcuni giovani di Aurisina, trovando un pertugio che comunica con l'esterno. La galleria di destra è fortemente inclinata e nel tratto iniziale i detriti sono scivolati più in basso, lasciando scoperto il crostone stalagmitico che costituisce il suolo. Il pietrame, così, si è accumulato nella parte inferiore del pendio ed ha ristretto notevolmente il passaggio che immette nella cavernetta finale, sormontata da un alto camino e con il suolo pianeggiante e terroso. In questo punto ed in altri tratti della grotta sono stati effettuati degli scavi per la ricerca di oggetti preistorici, ma senza esito positivo.
Nel 1963, è stata scoperta a poca distanza da questa cavità una nuova grotta (4163 VG), molto complessa, nella quale sono stati rinvenuti importanti reperti archeologici. La vicinanza degli ambienti sotterranei fa supporre che le due cavità siano state un tempo unite in un unico sistema, al quale appartenevano presumibilmente anche le grotte 4114 VG e 4135 VG, situate nei pressi.

AGGIORNAMENTO del 1969:
in seguito all'osservazione di alcuni particolari caratteristiche morfologiche in quello che era l'ultimo vano del ramo discendente della Grotta Tripoli, si decise di iniziare uno scavo che portò alla disostruzione di un cunicolo ed alla scoperta di una nuova camera, in seguito all'allargamento di una strettoia posta al termine del cunicolo. Evidenti tracce di erosione fluviale si riscontrano sia nel cunicolo che nella camera; in quest'ultima una colata calcitica, partendo dalla parete sinistra, si avvicina gradualmente a quella opposta, sino ad ostruire del tutto il passaggio. Qui è stato eseguito uno scavo d'assaggio che ha dato risultati negativi. Nel cunicolo, al di sotto di uno strato di terriccio, è stata trovata una formazione di argilla contenente piccole quantità di sabbia.

AGGIORNAMENTO del 1983:
è stato risalito il camino (punto 10 del rilievo) senza tovare alcuna prosecuzione.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 03-02-1983
Foto
Data dello scatto: 15-11-2012

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Vianello Sergio

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Data dello scatto: 15-11-2012

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Vianello Sergio

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Data dello scatto: 15-11-2012

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Vianello Sergio

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Descrizione inquadratura: panoramica ingresso
Data dello scatto: 24-03-2011

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Podgornik Ferruccio

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino