Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 911 - Pozzo del Confine

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo del Confine
Nome principale sloveno
Numero catasto 911
Numero catasto storico 386FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Savogna
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050153 - Monte Mataiur
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5118649,0
Longitudine Gauss-Boaga 2406445,0
Latitudine WGS-84 46° 12' 42,2142" (46,21172616)
Longitudine WGS-84 13° 31' 40,0781" (13,52779947)
Latitudine UTM WGS-84 5118625,5
Longitudine UTM WGS-84 386440,2
Quota ingresso 1593
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 24
Autore posizione Non specificato
Gruppo appartenenza CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 15
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 25.5
Dislivello totale 25.5
Quota fondo 1567.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre, con un ingresso di 1,20m x 0,70m, a circa 150m in direzione NNW dalla chiesetta che si trova sulla cima del Monte Mataiur, in prossimità del confine di stato, sul fondo di una vallecola attorniata da blocchi rocciosi.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo è impostato lungo una frattura orientata EW e si allarga appena superato l'ingresso; alla profondità di 8m c'è un ammasso di blocchi incastrati tra le pareti e il fondo è ricoperto da detriti. L'assenza del cono detritico assieme all'intensa corrosione (erosione) riscontrabile sulle pareti, indicano una notevole attività idrica.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 25-07-1986