Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 898 - Caverna 3° del Monte Sedlen

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna 3° del Monte Sedlen
Nome principale sloveno
Numero catasto 898
Numero catasto storico 4038VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110014 - Precenico
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5070310,4
Longitudine Gauss-Boaga 2418707,0
Latitudine WGS-84 45° 46' 43,3821" (45,77871725)
Longitudine WGS-84 13° 41' 49,0487" (13,69695796)
Latitudine UTM WGS-84 5070287,5
Longitudine UTM WGS-84 398701,2
Quota ingresso 223
Data esecuzione posizione 25-01-2014
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Artificiale
Dimensione stimata ingresso 1,7 x 1 m
Tipo ingresso Caverna
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione
Gruppo appartenenza
Autore posizione Gerl Damjan
Gruppo appartenenza GRMADA - Športno društvo/Associazione Sportiva Grmada
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 115
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 11.5
Dislivello negativo 47
Dislivello totale 58.5
Quota fondo 176
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile No
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre sul versante Nord del Monte Sedlen, lungo un sentiero che si snoda in mezzo alla boscaglia e quasi scompare presso la grotta, inghiottito dal folto sottobosco. Più a valle, a breve distanza, si apre la Caverna I del Monte Sedlen (895/4032VG).
Per raggiungere la cavità, si percorre la vecchia strada militare che conduce al valico confinario di Comeno. Lungo la strada si incontra un cartelleo segnaletico (Dogana a 300m). Da questo punto, ( grande slargo dove si può parcheggiare) arretrando di alcune decine di metri, si nota, dall'altro lato della strada, l'imbocco di un ampio sentiero. Ci si inoltra lungo questa carrareccia per una trentina di metri e poi si piega decisamente a destra, lungo una traccia di sentiero che presto diventa una vecchia e larga strada militare. Dopo aver percorso una settantina di metri si nota, sulla sinistra, una lunga trincea artificiale che porta alla grotta.
Descrizione dei vani interni della cavità Dall'ingresso si entra in una galleria artificiale scavata dalle truppe austriache durante la prima guerra mondiale. La galleria ha il suolo detritico e scende dolcemente fino ad incontrare un tratto piano ed una strettoia. Da questo punto ha inizio la grotta naturale, con una galleria diretta verso Ovest nella quale si incontrano le prime concrezioni. Procedendo per una decina di metri si giunge sopra un pozzo di 3m, il quale immette in una vasta galleria in forte discesa che, sulla sinistra, continua invece in ripida salita.
Seguendo la galleria discendente si possono notare in più tratti alcune notevoli evorsioni, mentre il suolo è concrezionato. Ad un tratto la galleria precipita con una pendenza di 70 gradi verso il fondo. Qui il suolo è occupato da alcuni grandi massi. Scendendo ancora per una decina di metri si raggiunge il fondo, nel quale si apre un pozzo di 3m, impraticabile, che segna il punto più basso della grotta. Il ramo ascendente si sviluppa per una lunghezza di circa 20m, terminando in fessure impraticabili.
Sopra al primo pozzetto di 3m, una galleria in forte ascesa conduce alla parte superiore della complessa cavità. Anche qui troviamo due rami: uno discendente ed uno ascendente. Il secondo si raggiunge tramite una finestra che dà su un pozzo di tre metri e che termina dopo una decina di metri. Il primo, un po'più lungo, è dato da una caverna fortemente inclinata nella quale ci sono depositi di argilla e antiche frane e sul fondo presenta una possibile prosecuzione: oltre ad una fessura si intravede infatti un allargamento in accentuata pendenza.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 03-06-1969
Foto
Data dello scatto: 25-01-2014

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Šuligoj Danijel

Gruppo di appartenenza: GRMADA - Športno društvo/Associazione Sportiva Grmada

Data dello scatto: 25-01-2014

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Šuligoj Danijel

Gruppo di appartenenza: GRMADA - Športno društvo/Associazione Sportiva Grmada

Data dello scatto: 25-01-2014

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Šuligoj Danijel

Gruppo di appartenenza: GRMADA - Športno društvo/Associazione Sportiva Grmada

Data dello scatto: 25-01-2014

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Šuligoj Danijel

Gruppo di appartenenza: GRMADA - Športno društvo/Associazione Sportiva Grmada

Tipo inquadratura: Ingresso

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino