Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 874 - Grotta della Capra

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta della Capra
Nome principale sloveno
Numero catasto 874
Numero catasto storico 4009VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5061895,7
Longitudine Gauss-Boaga 2428093,1
Latitudine WGS-84 45° 42' 15,5088" (45,704308)
Longitudine WGS-84 13° 49' 9,3396" (13,819261)
Latitudine UTM WGS-84 5061872,8
Longitudine UTM WGS-84 408087,0
Quota ingresso 311.8
Data esecuzione posizione 05-06-2016
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 2.0 x 0.8
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 20
Autore posizione Klun Antonio
Gruppo appartenenza GGCD - Gruppo Grotte Carlo Debeljak
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 50
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 59
Dislivello totale 59
Quota fondo 252.8
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso della grotta si apre sul declivio pietroso di una vasta dolina il cui lato opposto è costituito da una parete verticale alta una decina di metri. La discesa lungo i due pozzi è resa oltremodo difficile da una serie di strettoie, che si prolungano per molti metri, e da lame di erosione e ponti naturali che limitano ancor più il lume dei vani. Il secondo salto sbocca improvvisamente nella volta di una grande caverna, occupata da un'estesa frana di massi e da uno spesso banco di argilla, all'estremità del quale si ergono alcune belle stalagmiti; splendide colate e panneggi creano dei piccoli vani occupati da bacini d'acqua.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 06-01-1957
Foto
Data dello scatto: 05-06-2016

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Fratnik Enrico

Gruppo di appartenenza: GGCD - Gruppo Grotte Carlo Debeljak

Data dello scatto: 05-06-2016

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Fratnik Enrico

Gruppo di appartenenza: GGCD - Gruppo Grotte Carlo Debeljak