Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 866 - Pozzo a NW di Fernetti

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo a NW di Fernetti
Nome principale sloveno
Numero catasto 866
Numero catasto storico 4002VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5062060,0
Longitudine Gauss-Boaga 2428598,0
Latitudine WGS-84 45° 42' 21,0707" (45,70585296)
Longitudine WGS-84 13° 49' 32,5724" (13,82571456)
Latitudine UTM WGS-84 5062037,1
Longitudine UTM WGS-84 408591,9
Quota ingresso 318
Data esecuzione posizione 29-07-2005
Affidabilità posizione 4° gruppo riposizionamento regionale GPS (2005)
Stato ingresso Parzialmente ostruito
Dimensione stimata ingresso 1,5m x 1m
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 2
Autore posizione Martinuzzi Susanna
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 3
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 10
Dislivello totale 10
Quota fondo 308
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre sul fondo di una dolina situata a breve distanza dalla Grotta a N di Fernetti (2904/4979VG).
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo fu reso accessibile nel 1956 tramite un lavoro di scavo, partendo da una strettissima fessura che si apriva sotto un compatto lastrone di roccia.
Sceso il pozzo d'accesso si giunge su di un ripiano, formato da massi incastrati e terriccio, quindi un passaggio malagevole che si apre tra la parete ed i blocchi che formano il ripiano, porta nel pozzo sottostante, il cui fondo è costituito da massi cementati dalla calcite.
Nel 1976 per accedere al secondo pozzo si dovette impiegare una mezza giornata di scavo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 12-12-1982
Foto
Data dello scatto: 05-04-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 05-04-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi