Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 855 - Grotta delle Trine

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta delle Trine
Nome principale sloveno
Numero catasto 855
Numero catasto storico 357FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Budoia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 064062 - Monte Colombera
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5108868,0
Longitudine Gauss-Boaga 2325832,0
Latitudine WGS-84 46° 6' 20,0523" (46,10557008)
Longitudine WGS-84 12° 29' 15,2079" (12,48755774)
Latitudine UTM WGS-84 5108846,0
Longitudine UTM WGS-84 305828,4
Quota ingresso 1632
Data esecuzione posizione 24-06-2006
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 3x2
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 8
Autore posizione Casagrande Alberto
Gruppo appartenenza GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 28
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 37
Dislivello totale 37
Quota fondo 1595
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni certe (accessibili)
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre sotto una paretina vicino al sentiero che scende in Val Seraie.
Descrizione dei vani interni della cavità Il primo salto conduce su di un piano fortemente inclinato, ricoperto da neve mista a terriccio, il quale successivamente, oltrepassato un portale, diventa meno ripido. La volta si alza e la neve si trasforma gradatamente in ghiaccio (sotto il quale è visibile il detrito) che, formando una colata, si riversa in un pozzo di 6m. Le pareti sono interamente rivestite da ghiaccio che forma incantevoli arabeschi ed eccentriche dalle forme più bizzarre. Una fessura nel ghiaccio dà accesso ad un pozzo di 8m che conduce ad una saletta occupata da un verde laghetto ghiacciato. Verso Est, un piccolo salto conduce in un'altra cameretta, occupata anch'essa da un laghetto che però non è stato raggiunto.

NOTA: EPLORAZIONE IN CORSO GS CAI V.V.: la cavità attualmente (anno 2005) misura circa 100 m di profondità.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 02-08-1956
Foto
Data dello scatto: 26-06-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Bottoli Costantino

Gruppo di appartenenza: GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile

Descrizione inquadratura: Ingresso con targhetta
Data dello scatto: 26-06-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Bottoli Costantino

Gruppo di appartenenza: GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile

Descrizione inquadratura: Targhetta