Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 812 - Grotta ad ENE di S. Pelagio

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta ad ENE di S. Pelagio
Nome principale sloveno
Numero catasto 812
Numero catasto storico 4025VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110013 - San Pelagio
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5069344,0
Longitudine Gauss-Boaga 2419227,0
Latitudine WGS-84 45° 46' 12,3506" (45,77009738)
Longitudine WGS-84 13° 42' 13,8464" (13,70384622)
Latitudine UTM WGS-84 5069321,1
Longitudine UTM WGS-84 399221,2
Quota ingresso 248
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 20
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 21
Dislivello totale 21
Quota fondo 227
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre sul versante NW del Monte Gradine, presso una traccia di sentiero che sale verso la quota 321.
Descrizione dei vani interni della cavità Il primo pozzo porta su di un ripiano scivoloso, dove si interna una bassa galleria scarsamente concrezionata. Proseguendo la discesa lungo la parete rotta da una nicchia incrostata si giunge sul fondo detritico in leggera discesa. Qui inizia un cunicolo sassoso, che si riduce presto ad un passaggio strettissimo in ripida salita; dove il vano si allarga vi è l'ingresso di un pozzo, mentre continuando l'ascesa si giunge in una piccola caverna ricca di concrezioni e vaschette d'acqua. Il pozzo scende in una bella saletta dalle pareti scintillanti di cristalli e dalla volta adorna di lunghe stalattiti, una delle quali giunge quasi a toccare il suolo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 04-11-1964