Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 8000 - Inghiottitoio sotto Casera Val Dolce

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Inghiottitoio sotto Casera Val Dolce
Nome principale sloveno
Numero catasto 8000
Numero catasto storico 4942FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Alpi Carniche
Provincia Udine
Comune Paularo
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 032033 - Zuc della Guardia
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5158496,0
Longitudine Gauss-Boaga 2380920,0
Latitudine WGS-84 46° 33' 55,5061" (46,56541837)
Longitudine WGS-84 13° 11' 6,7664" (13,18521289)
Latitudine UTM WGS-84 5158472,2
Longitudine UTM WGS-84 360916,3
Quota ingresso 1685
Data esecuzione posizione 14-07-2019
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0.6 x 0.6 m
Tipo ingresso Cavernetta
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Moro Paolo
Gruppo appartenenza GRIF - Gruppo Ricerche Ipogee Friuli
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 50
Sviluppo spaziale 50
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 20
Dislivello totale 20
Quota fondo 1675
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso Si
Prosecuzioni Pozzo non disceso
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dalla Casera di Val Dolce si scende in direzione Sud Ovest il vasto prato antistante; si segue quindi un ruscelletto che scompare pochi metri prima di una paretina di roccia. ai cui piedi si apre la grotta
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta è un inghiottitoio ostruito parzialmente da massi di frana Per accedervi si trascura una prima bassa galleria. ortogonale alla paretina rocciosa. che chiude su frana. e ci si dirige sulla sinistra dell'ingresso. ove si incontra uno strettissimo cunicolo orizzontale della lunghezza di pochi metri. che porta ad una minuscola saletta Da qui una serie di saltini conducono ad una sala più ampia della precedente
Dalla sala. un basso passaggio in direzione Ovest riporta alla frana dell'ingresso. mentre un breve e basso cunicolo in direzione opposta porta sull'orlo di un pozzetto di pochi metri ancora da scendere Parallelo a quest'ultimo cunicolo c'è un passaggio percorso da un rivolo d'acqua ancora da esplorare

Osservazioni:
Il rilievo che si innalza a sud di Casera Val Dolce presenta alla base una sequenza di inghiottitoi. originati da rigagnoli che dapprima scorrono sugli scisti impermeabili del Carbonifero e poi scompaiono quando entrano in contatto con i calcari del Devoniano
Le grotte che ne derivano dovrebbero pertanto essere abbastanza recenti. e quindi. di conseguenza. anche abbastanza strette; è probabile che in profondità i flussi convergano. dando origine ad ambienti di maggiori dimensioni La grotta è interessata da vari flussi idrici e percorsa da una fastidiosa corrente d'aria
Frammisti al materiale di scavo sono venuti alla luce numerosi resti ossei di fauna Molti reperti evidenziano elevata porosità. indice di antichità degli stessi Queste le osservazioni nel merito. rilasciateci da Giuliano Villa: "L'esame dei materiali ossei ha messo in evidenza l'appartenenza a due distinte categorie: Bos e Ovis. con una prevalenza di Bos
In particolare si è registrata una elevata presenza di ossa lunghe degli arti nelle due categorie e di coste nella categoria Bos. oltre a rari elementi dentari Nella categoria Bos alcune ossa lunghe appartengono a individui giovani (dall'osservazione delle cartilagini di accrescimento non ossificate) Anche l'usura limitata dei denti (Bos) denota la presenza di individui giovani In due reperti (coste) sono state evidenziate tracce da possibile macellazione. in un caso particolarmente regolari"
Rilievo Completo - Primo rilievo - 1:1 - Effettuato in data: 15-08-2003
Foto
Data dello scatto: 14-07-2019

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Moro Paolo

Gruppo di appartenenza: GRIF - Gruppo Ricerche Ipogee Friuli

Data dello scatto: 14-07-2019

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Moro Paolo

Gruppo di appartenenza: GRIF - Gruppo Ricerche Ipogee Friuli

Data dello scatto: 14-07-2019

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Moro Paolo

Gruppo di appartenenza: GRIF - Gruppo Ricerche Ipogee Friuli