Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7941 - Pozzo 6º a N di Punta Medon

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 6º a N di Punta Medon
Nome principale sloveno
Numero catasto 7941
Numero catasto storico 4889FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 23-06-2012
Scopritore Mikolic - Umberto
Gruppo scopritore CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Data scoperta

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050021 - Sella Nevea
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5136804,6
Longitudine Gauss-Boaga 2403375,7
Latitudine WGS-84 46° 22' 28,3653" (46,37454592)
Longitudine WGS-84 13° 29' 0,689" (13,48352472)
Latitudine UTM WGS-84 5136780,8
Longitudine UTM WGS-84 383371,3
Quota ingresso 1886
Data esecuzione posizione 23-06-2012
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 2.2 x 4.3 m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 23.3
Autore posizione Mikolic Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 13.5
Sviluppo spaziale 56
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 44.2
Dislivello totale 44.2
Quota fondo NaN
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Non visibili prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L’ingresso, di m 2,2 x 4,3, s’apre in terreno in lieve pendenza, su lastronate.
Descrizione dei vani interni della cavità I primi due metri si scendono in arrampicata e quindi si prosegue in corda lambendo alcune pietre incastrate. A –11 s’incontra un deposito di neve che ben presto si trasforma in scivolo di ghiaccio. Quando termina questa china si supera un restringimento e si perviene al secondo pozzo, che si allarga notevolmente. La discesa riprende su ghiaccio vivo fino ad un ampio ripiano, oltre il quale la cavità prosegue con una stretta fessura inclinata, sempre tra ghiaccio e roccia.
Rilievo Completo - Primo rilievo - 1:200 - Effettuato in data: 23-06-2012