Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 790 - Busa dei Marass

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Busa dei Marass
Nome principale sloveno
Numero catasto 790
Numero catasto storico 338FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Vito d'Asio
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048123 - La Val
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5125758,0
Longitudine Gauss-Boaga 2360643,0
Latitudine WGS-84 46° 15' 59,3491" (46,26648586)
Longitudine WGS-84 12° 55' 55,0679" (12,93196331)
Latitudine UTM WGS-84 5125735,1
Longitudine UTM WGS-84 340639,1
Quota ingresso 498
Data esecuzione posizione 07-12-2006
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 10
Autore posizione Casagrande Alberto
Gruppo appartenenza PRIVATO - Nessun gruppo di appartenenza
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 10
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 12
Dislivello totale 12
Quota fondo 486
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso di questa grotta si apre a circa 30m in direzione Ovest dall'abitato di Tinei, quasi ai piedi di un prato ripidissimo.
Descrizione dei vani interni della cavità Il nome della grotta deriva dal fatto che alcuni abitanti del posto, dopo aver ucciso alcune vipere che conoscevano con il nome di "marass" (Marasso, vipera palustre), le gettarono nella cavità, ritenendola la loro tana.
La grotta è profonda 12m e funge periodicamente da inghiottitoio delle acque di una piccola conca chiusa. Le pareti sono quasi totalmente coperte da vegetazione ed il fondo è occupato da grossi blocchi di pietra frammisti a terriccio nero.

POSIZIONE AGG.1997: 12°55'59" - 46°16'02",0
Rilievo Completo - Effettuato in data: 27-06-1954