Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7882 - Pozzo di Selva

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo di Selva
Nome principale sloveno
Numero catasto 7882
Numero catasto storico 4841FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 01-07-2013
Scopritore Dreon - Leandro
Gruppo scopritore GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Tramonti di Sotto
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048103 - Tridis
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5124659,0
Longitudine Gauss-Boaga 2347454,0
Latitudine WGS-84 46° 15' 12,1744" (46,25338178)
Longitudine WGS-84 12° 45' 40,8295" (12,76134153)
Latitudine UTM WGS-84 5124636,4
Longitudine UTM WGS-84 327450,3
Quota ingresso 566
Data esecuzione posizione 01-07-2013
Affidabilità posizione
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1 x 0.6 m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 22.7
Autore posizione Concina Giorgio
Gruppo appartenenza GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 21.7
Sviluppo spaziale 55.3
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 33.4
Dislivello totale 33.4
Quota fondo 533
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Non visibili prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Salendo da Meduno lungo la SR552, poco oltre la località Miar, all’inizio della salita, s’incrocia una strada sulla destra che porta alla località “Moscjasinis”. Prima di entrare sul soprastante pianoro si parcheggia il veicolo e si sale lungo la pista forestale, preclusa al traffico, che termina presso un gruppo di edifici costituenti la frazione di Selva. Dietro alle case, ormai abbandonate, si continua lungo un sentiero che porta ai ruderi di uno stavolo; da qui si svolta a sinistra, salendo di poco, per circa cento metri. Il modesto ingresso non è semplice da localizzare poiché si apre sul pendio, un tempo adibito a pascolo, in mezzo alla vegetazione.
Descrizione dei vani interni della cavità L’ingresso, posto su terreno in declivio, ha forma irregolare e misure limitate: circa 1 metro per sessanta centimetri. Percorso il tratto da p8 a p7, inizia la discesa verticale su corda, fino alla base di p4 per 20.2 metri. Scendendo, la cavità si allarga notevolmente in direzione SE–NW. Fino a oltre 12 metri, piegando in direzione NW in corrispondenza di p5 e p6 e oltre gli stessi. Durante la discesa la larghezza media è di circa 2 metri e si notano, sia pur non importanti, fenomeni di concrezione quali stalattiti e colate calcitiche. Da p4 si continua nel ramo di fondo che porta fino a p0, punto di massima profondità. Il piano superiore, su p4, è formato da materiale clastico e sono presenti diversi grossi blocchi incastrati in alto; da p3 a p2 si scende un pozzetto a ridosso di massi accatastati alla cui base è visibile una rientranza. Dopo p2 l’ambiente si restringe, fino a circa sessanta centimetri, e si procede in forte discesa fino a p0. Si segnala un piccolo ambiente inferiore e l’altezza media di oltre 10 metri da p0 a p2. Il ramo opposto è più largo e interessante; da p4 a p5 il fondo è quasi piano, con pietrame e sassi, poi svolta a sinistra e discende fino a p6. A fronte di p6 si segnala una particolare formazione tondeggiante con un canale di erosione ai bordi, con al centro una curiosa serie di lame rocciose disposte parallelamente le une alle altre, che termina inserendosi in basso in uno stretto meandro profondo almeno 7 metri. Sono presenti concrezioni e una minima circolazione d’aria.

Dal racconto di persone originarie del posto. nella prima metà del '900. i residenti erano conviti di poter far scaturire l’acqua dalla cavità
Acqua necessaria sia alle persone sia. soprattutto. al gran numero di animali d’allevamento presenti sul territorio
Allo scopo furono gettate all’interno delle cariche esplosive. senza risultato alcuno
Rilievo Completo - 1:150 - Effettuato in data: 01-07-2013
Foto
Data dello scatto: 01-07-2013

Tipo inquadratura: Interno