Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7856 - Frattura sul Monte Zouf

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Frattura sul Monte Zouf
Nome principale sloveno
Numero catasto 7856
Numero catasto storico 4815FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 25-03-2015
Scopritore Torre - Cristian
Gruppo scopritore GORTANI - Gruppo Speleologico Carnico M. Gortani

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Udine
Comune Verzegnis
Tipo carta
Carta CTRN 1:5.000 048041 - Verzegnis
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5137656,2
Longitudine Gauss-Boaga 2364861,8
Latitudine WGS-84 46° 22' 28,1117" (46,37447547)
Longitudine WGS-84 12° 58' 57,888" (12,98274666)
Latitudine UTM WGS-84 5137633,0
Longitudine UTM WGS-84 344858,0
Quota ingresso 650
Data esecuzione posizione 07-04-2015
Affidabilità posizione
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1X2 m
Tipo ingresso Meandro
Profondità pozzo d'accesso 3
Autore posizione Torre Antonio
Gruppo appartenenza GORTANI - Gruppo Speleologico Carnico M. Gortani
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 15
Sviluppo spaziale 16
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 5
Dislivello totale 5
Quota fondo 645
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dall'abitato di Chiaicis prendere la strada che conduce al lago di Verzegnis. superarlo e proseguire fino al suo culmine dove si incontra sulla sinistra una chiesetta Lasciare qui la macchina e proseguire a piedi su una strada che diparte da dietro la chiesetta. inizialmente asfaltata. poi in sterrato. che conduce a una coltivazione di mele; superarla sulla destra e continuare sulla traccia di strada mantenendo la sinistra fino a giungere in una piana con un rudere di Stavolo sulla sua sinistra. superarlo e proseguire fino al termine della traccia di strada Da qui innalzarsi obliquando verso sinistra per circa 100 m e 25 di quota cercando di intravedere un impluvio. scendere in esso e risalirlo sul versante opposto La cavità di difficile individuazione si apre su frattura superficiale L'ingresso della grotta è di difficile individuazione si consiglia di mantenere la quota di 650 m e l'uso di GPS
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta è stata generata da un cedimento strutturale del costone con collasso della parete a valle L'andamento è di tipo meandro con la distanza tra le pareti larghe di circa un metro Dall'ingresso si scende per un breve salto in frana (P3. fare attenzione massi instabili). poi la cavità prosegue con le pareti molto friabili fino al termine Sul pavimento la cavità chiude in fessura cosi come al suo termine in cui non si notano prosecuzione percorribili
Tipo di rocce: Dolomia Principale
Rilievo Completo - Primo rilievo - 1:10 - Effettuato in data: 07-04-2015
Foto
Data dello scatto: 07-04-2015

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Torre Antonio

Gruppo di appartenenza: GORTANI - Gruppo Speleologico Carnico M. Gortani

Data dello scatto: 07-04-2015

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Torre Antonio

Gruppo di appartenenza: GORTANI - Gruppo Speleologico Carnico M. Gortani

Data dello scatto: 07-04-2015

Tipo inquadratura: Interno

Autore foto: Torre Antonio

Gruppo di appartenenza: GORTANI - Gruppo Speleologico Carnico M. Gortani