Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 771 - Grotta presso la Peschiera del Timavo

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta presso la Peschiera del Timavo
Nome principale sloveno
Numero catasto 771
Numero catasto storico 3948VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 109044 - San Giovanni al Timavo
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5071068,0
Longitudine Gauss-Boaga 2409879,0
Latitudine WGS-84 45° 47' 3,0625" (45,78418402)
Longitudine WGS-84 13° 34' 59,7476" (13,58326321)
Latitudine UTM WGS-84 5071045,2
Longitudine UTM WGS-84 389873,4
Quota ingresso 13
Data esecuzione posizione 21-04-2009
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,5 x 0,7m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 14
Autore posizione Sgambati Alessandro
Gruppo appartenenza ISP FOR - Ispettorato Ripartimentale Foreste
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 4
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 14
Dislivello totale 14
Quota fondo -1
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Tra il Villaggio del Pescatore e le Risorgenti del Timavo si protende un basso promontorio calcareo inciso da brevi valloni nei quali si aprono molte gallerie di guerra. All'estremità occidentale il dosso digrada verso il mare con un declivio coperto da una pineta, durante il rimboschimento della quale è stato scoperto questo pozzo, che ricopre un certo interesse per la presenza sul fondo di un bacino d'acqua perenne dal livello variabile.
Descrizione dei vani interni della cavità Una bassa costruzione in mattoni è stata eretta sull'imbocco del pozzo nel quale scende il tubo di una pompa tramite il quale l'acqua veniva sollevata e convogliata al frigorifero della Peschiera del Timavo. Da molti anni l'impianto è in disuso.
Dopo un tratto angusto e con segni di corrosione il pozzo diviene più ampio ed appare qualche accenno al concrezionamento. Superata una putrella infissa tra le pareti, si giunge al fondo dopo aver toccato un ripido ripiano franoso. Qui la sosta è resa comoda da un'asse posto trasversalmente ed appoggiato ad una larga sporgenza, che limita la superficie del bacino: Al momento del rilievo l'acqua , molto limpida, si trovava a 14,20m dalla superficie esterna e lo scandaglio ne indicava la profondità in 2,10m. In altre visite il livello era alto oltre 1,5m.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 12-10-1969
Foto
Data dello scatto: 07-05-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Frandolic Diego

Gruppo di appartenenza: FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar

Data dello scatto: 07-05-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Frandolic Diego

Gruppo di appartenenza: FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar

Descrizione inquadratura: particolare ingresso
Data dello scatto: 07-05-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Frandolic Diego

Gruppo di appartenenza: FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar