Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7559 - La Claupa

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale La Claupa
Nome principale sloveno
Numero catasto 7559
Numero catasto storico 4570FR
Numero totale ingressi 6

Scopritori
Data scoperta 01-11-2008
Scopritore Simonutti - Venicio
Gruppo scopritore GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Travesio
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048154 - Monte Ciaurlec
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5123263,0
Longitudine Gauss-Boaga 2353098,0
Latitudine WGS-84 46° 14' 32,0502" (46,24223617)
Longitudine WGS-84 12° 50' 6,0197" (12,83500546)
Latitudine UTM WGS-84 5123240,3
Longitudine UTM WGS-84 333094,2
Quota ingresso 889
Data esecuzione posizione 01-11-2008
Affidabilità posizione
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 28m x 12m
Tipo ingresso Cavernetta
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Concina Giorgio
Gruppo appartenenza GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 206
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 23
Dislivello totale 23
Quota fondo 837
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Non visibili prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Da Campone si segue la strada verso Forchia Piccola e, prima del bivio per Valinis, s'imbocca la strada bianca sulla sinistra che porta a Malga Selvaz di Manarac e poi al “Cuel da l'ors”. Lasciata la macchina proseguire lungo la pista forestale e risalire la gola fino a giungere sul vicino colle. Sopra una traccia di sentiero che porta a “Fontana Rugat”, troviamo l'ingresso alto della cavità. Nelle vicinanze ci sono gli ingressi di MC97 “La Claupa 2”, MC98 “La Claupa 3”, MC99 “Risorgiva Lis Claupatis” e MC37 “Cavernette presso il Volt”.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità si sviluppa in interstrato con direzione Sud-Nord. Nella grotta si raccolgono le acque meteoriche di scorrimento superficiale di una piccola valle che si trova subito a monte.
Il ramo principale inizia con una cavernetta (ingresso A) che, con un passaggio basso, immette nella parte interna che è abbastanza ampia e prosegue in meandro. La cavità continua incontrando una serie di rami laterali sino a giungere (punto 18) ad un'altra entrata (ingresso E). Il meandro prosegue, stretto e profondo, a cielo aperto. Subito dopo troviamo un pozzo di 5m, quindi il meandro continua abbassandosi fino a terminare (punto 27 ingresso F).
Ritornando nella parte iniziale, alla destra troviamo un ramo (punto 2) che, con una piccola arrampicata (R4,5), porta ad un basso ingresso (ingresso C). Accanto troviamo un'altra cavernetta “ingresso D”, accessibile per alcuni metri, in comunicazione con la parte interna ma non percorribile.
Proseguendo sul ramo principale, sulla destra, troviamo una piccola diramazione in salita “punto 5” che chiude dopo alcuni metri. Subito dopo troviamo un'affluente (punto 6). Risalendolo, arriviamo ad un bivio (punto 7) dove, con passaggi bassi, si riesce a proseguire per alcuni metri in entrambe le direzioni.
Subito dopo il punto 6, arriviamo nel punto 11, dove, con una piccola risalita, raggiungiamo una breve diramazione che chiude dopo pochi metri.
Alla sinistra del punto 11, una diramazione in salita porta dopo alcuni passaggi bassi ad un nuovo ingresso (ingresso B). È questo il punto più alto della cavità.
Ritornando al punto 37, sulla sinistra, troviamo un passaggio che porta al punto 4 della condotta principale.
Nel punto 13, una diramazione in salita, porta in una parte interna con sbocco verso il punto 34.
La parte principale della grotta ed i rami di destra si trovano in ambienti percorsi dall'acqua e di conseguenza ben dilavati, nelle diramazioni a sinistra, troviamo fondi costituiti da detriti di piccole e medie dimensioni misti a fango e terriccio.
Rilievo Pianta - 1:300 - Effettuato in data: 01-11-2008
Foto
Data dello scatto: 30-03-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Simonutti Venicio

Gruppo di appartenenza: GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis

Descrizione inquadratura: Ingresso 6
Data dello scatto: 30-03-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Simonutti Venicio

Gruppo di appartenenza: GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis

Descrizione inquadratura: Ingresso 2
Data dello scatto: 30-03-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Simonutti Venicio

Gruppo di appartenenza: GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis

Descrizione inquadratura: Ingresso 1
Data dello scatto: 30-03-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Simonutti Venicio

Gruppo di appartenenza: GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis

Descrizione inquadratura: Ingresso1
Data dello scatto: 30-03-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Simonutti Venicio

Gruppo di appartenenza: GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis

Descrizione inquadratura: Ingresso 6
Data dello scatto: 30-03-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Simonutti Venicio

Gruppo di appartenenza: GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis

Descrizione inquadratura: Ingresso 2