Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7555 - Andre de Sant'Antoni

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Andre de Sant'Antoni
Nome principale sloveno
Numero catasto 7555
Numero catasto storico 4566FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Erto e Casso
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 047091 - San Martino
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5129695,0
Longitudine Gauss-Boaga 2317968,0
Latitudine WGS-84 46° 17' 25,9255" (46,29053487)
Longitudine WGS-84 12° 22' 37,2518" (12,37701438)
Latitudine UTM WGS-84 5129672,8
Longitudine UTM WGS-84 297964,9
Quota ingresso 1385
Data esecuzione posizione 01-07-2009
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 13m x 30m
Tipo ingresso Riparo sottoroccia
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Concina Giorgio
Gruppo appartenenza GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 68.8
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 8.3
Dislivello negativo
Dislivello totale 8.3
Quota fondo 1385
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Non visibili prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Partendo da Erto in direzione Cimolais, subito dopo la cappella di S. Romedio, si prende una traccia di sentiero sulla sinistra che porta verso il Monte Porgeit. Si risale il ripido costone fino a raggiungere e superare la “Crode de Sciavraz”,quindi si prosegue costeggiando il crinale con ampia visuale sul sottostante Torrente Zemola. Si prende poi una traccia di sentiero sullo strapiombo scendendo per un centinaio di metri (zona esposta e pericolosa). Con una piccola risalita si arriva all'ingresso della cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di un enorme sottoroccia a cui si accede dal lato Sud (punto 0). Alcune cavernette approfondiscono ulteriormente la cavità che nella parte Nord, dopo alcuni metri, porta ad una bassa finestra con successivo terrazzino da dove si può ammirare la sottostante Val Zemola (qualche centinaio di metri più in basso).
Rilievo Completo - 1:300 - Effettuato in data: 01-07-2011