Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7554 - Grotta dei Pirati

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta dei Pirati
Nome principale sloveno
Numero catasto 7554
Numero catasto storico 4565FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 01-01-2002
Scopritore Concina - Gabriele
Gruppo scopritore GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis
Data scoperta 01-01-2002
Scopritore Borlini - Andrea
Gruppo scopritore CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050034 - Monte Cergnala
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5137677,0
Longitudine Gauss-Boaga 2404851,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 57,5284" (46,38264679)
Longitudine WGS-84 13° 30' 8,9489" (13,50248581)
Latitudine UTM WGS-84 5137653,2
Longitudine UTM WGS-84 384846,5
Quota ingresso 1801
Data esecuzione posizione 01-01-2010
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,7m x 0,7m
Tipo ingresso Cunicolo
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Concina Gabriele
Gruppo appartenenza GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 80
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 55
Dislivello totale 55
Quota fondo 1746
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Non visibili prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Appartenente al complesso Sistema Ketchup-Pirati
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre circa 60 metri a Nord dell'ingresso della grotta “Las Ketchup”- CL29 (4261Fr/7186Reg), nei pressi della mulattiera bassa, che congiunge la grande depressione sotto Cima Confine con il Col Lopic. Si tratta di un cunicolo che sbuca sul fianco di una piccola depressione.
Descrizione dei vani interni della cavità In origine l'ingresso si presentava di dimensioni non transitabili, ma nel periodo estivo, dall\'imbocco fuoriusciva una discreta corrente d'aria.
Oltrepassato l'ingresso ci si trova sulla testa di un meandro (ed anche qui sono stati necessari dei lavori di disostruzione, in quanto l'accesso alla parte sottostante non risultava transitabile),oltre al quale è possibile discendere un P16 ed il successivo P7. Guardando la struttura dei due pozzi e la prosecuzione della grotta, si può capire che si tratta di un alto meandro, che usciva all'esterno, ma che i crolli ne avevano completamente precluso l'accesso.
Dalla base del P7 il meandro prosegue con dimensioni interessanti, ma dopo pochi metri purtroppo la struttura cambia e il meandro diventa bagnato e di larghezza media di 40cm.
Dopo alcune svolte di difficile percorribilità l'ambiente si amplia in corrispondenza di un pozzo da 9 metri. Alla base si cammina e si risale su alcuni grossi blocchi di frana, che portano al successivo P7 che ritorna sul meandro, nuovamente privo di crolli ma abbastanza stretto. Si susseguono una serie di piccoli ambienti, cercando di tenersi nella parte alta del meandro fino a che, dopo una strettoia serpeggiante, si sbuca in un altro meandro, leggermente più grande, che verso monte diventa subito impercorribile, mentre verso valle porta ad un P6 e ad un ambiente ampio, con stillicidio: probabilmente il collegamento con un\'altra cavità. L'arrivo d'acqua potrebbe essere legato al grosso nevaio che c'è nei pressi della mulattiera.
Il meandro prosegue con dimensioni generose e dopo alcuni metri si arriva ad un P12, ampio, alla cui base il rivoletto d'acqua forma un piccolo lago, sifonante. Se invece di scendere alla base del pozzo si effettua un pendolo si può raggiungere una finestra oltre la quale un P10 porta alla giunzione con la grotta “Las Ketchup”, all'inizio del meandro “Mucho Calòr”, alla profondità di 55 metri rispetto all'ingresso di P1, -86 metri rispetto all'ingresso di CL29.
Rilievo Completo - 1:500 - Effettuato in data: 01-01-2010