Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7552 - Grotta 1 in Val dal Diach

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta 1 in Val dal Diach
Nome principale sloveno
Numero catasto 7552
Numero catasto storico 4563FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 01-01-2008
Scopritore Dreon - Leandro
Gruppo scopritore GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Cimolais
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 047091 - San Martino
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5129898,0
Longitudine Gauss-Boaga 2319742,0
Latitudine WGS-84 46° 17' 34,3878" (46,29288551)
Longitudine WGS-84 12° 23' 59,7658" (12,39993495)
Latitudine UTM WGS-84 5129875,7
Longitudine UTM WGS-84 299738,9
Quota ingresso 1195
Data esecuzione posizione 01-08-2008
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,8m x 2m
Tipo ingresso Galleria
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Concina Giorgio
Gruppo appartenenza GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 29
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 12.5
Dislivello totale 12.5
Quota fondo 1182.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Non visibili prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Subito dopo il passo di S. Osvaldo, in direzione Erto, si prende il sentiero che parte sulla destra. Si risale dapprima lungo una pista forestale, poi lungo una mulattiera che, dopo aver superato i ruderi di Casera Zanolina, porta in direzione dei ruderi di Casera Badiot. Giunti a quota 1208, sulla sinistra del sentiero si apre la cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità si apre con un ingresso basso e largo. Entrati troviamo una stanzetta sulla destra, mentre la grotta continua sulla sinistra, in leggera discesa. La grotta prosegue con una larghezza di circa 1 m, sino a giungere ad un più ampio terrazzino.
Un salto di 3,6m porta ad una sottostante sala che termina in risalita. La sala, caratterizzata da massi e blocchi di varie dimensioni, si dirige in direzione dell'ingresso.
Nella prima parte della grotta, bisogna prestare attenzione ai numerosi blocchi di calcare grigio selcifero che si trovano in posizione precaria.
Rilievo Completo - 1:100 - Effettuato in data: 01-08-2008