Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7544 - Grotta 3 nella Foce

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta 3 nella Foce
Nome principale sloveno
Numero catasto 7544
Numero catasto storico 4555FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta
Scopritore Simonutti - Venicio
Gruppo scopritore GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Vito d'Asio
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048123 - La Val
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5125238,0
Longitudine Gauss-Boaga 2359647,0
Latitudine WGS-84 46° 15' 41,6691" (46,26157476)
Longitudine WGS-84 12° 55' 9,2061" (12,91922391)
Latitudine UTM WGS-84 5125215,1
Longitudine UTM WGS-84 339643,1
Quota ingresso 497
Data esecuzione posizione 31-07-2011
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 4m x 2m
Tipo ingresso Cavernetta
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Concina Giorgio
Gruppo appartenenza GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 6.9
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 1.4
Dislivello negativo
Dislivello totale 1.4
Quota fondo 497
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Non visibili prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dalla strada provinciale che da Pradis di Sopra porta a Pielungo si devia, poco prima della località Chiàval, sulla destra, lungo una pista forestale. Dopo circa 300 metri, sulla destra, troviamo i resti della borgata Bòters da cui proseguiremo per circa 300 metri.
All'inizio di una discesa con curve, lasciamo il veicolo e scendiamo a piedi verso la forra del Torrente Foce.
Esiste, sia pur molto labile, la traccia di un vecchio sentiero assai difficile da seguire. Si scende tenendo la sinistra, fino ad incrociare i resti di un altro vecchio sentiero che viene dalla destra. Il corso d'acqua si trova al di sotto a circa 50/60 metri. Si procede fino a trovare una parete rocciosa (sinistra orografica).
Noteremo a sinistra in alto, a circa 4 metri dal suolo, la “Grotta 3 nella Foce”.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di una modesta cavità che si apre alla base di una parete rocciosa. È la prima che incontriamo scendendo dal versante di Forno, sulla sinistra orografica del torrente Foce.
Si arriva all'ingresso dopo aver attraversato un difficoltoso passaggio esposto a circa 4 metri di altezza (p1). Si trova su di un terrazzino dal quale si procede verso la fine della cavità.
L'altezza su p1 consente di stare in piedi, mentre all'interno l'altezza è di circa 1 metro.
Il fondo è formato da sedimenti fini, pietrame di modeste dimensioni con qualche pietra più grossa.


Rilievo Completo - 1:100 - Effettuato in data: 31-07-2011