Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7474 - K 35

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale K 35
Nome principale sloveno
Numero catasto 7474
Numero catasto storico 4505FR
Numero totale ingressi 3

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Budoia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 064062 - Monte Colombera
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5108441,0
Longitudine Gauss-Boaga 2326322,0
Latitudine WGS-84 46° 6' 6,7313" (46,1018698)
Longitudine WGS-84 12° 29' 38,6366" (12,49406571)
Latitudine UTM WGS-84 5108419,0
Longitudine UTM WGS-84 306318,4
Quota ingresso 1664
Data esecuzione posizione 24-12-2010
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 7,2m x 4m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 6
Autore posizione Bottoli Costantino
Gruppo appartenenza GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 53
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 15
Dislivello totale 15
Quota fondo 1647
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Non visibili prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dal rifugio Arneri si prende il sentiero CAI 993 verso casera Palantina. Circa trecento metri dopo la pista da sci si abbandona il sentiero 993 e si prende il sentiero a sinistra per il Col Cornier (indicato da tabella). Dopo altri 450 metri, ad una curva, si abbandona questo sentiero e si scende verso sinistra su tracce di sentiero per avvicinarsi alla cavità. La zona è molto impervia a causa di abbondante fessurazione coperta da bassa vegetazione e la cavità è di difficile individuazione senza GPS.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità si presenta come il susseguirsi di tre diverse voragini, la prima delle quali scendibile anche senza l'ausilio di corda, collegate tra loro in basso da delle strette fessure. Dalla terza parte una fessura fossile che si apre in un corto pozzo che chiude in frana.
Rilievo Completo - 1:200 - Effettuato in data: 24-12-2010