Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7460 - Grotta Deluca

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta Deluca
Nome principale sloveno
Numero catasto 7460
Numero catasto storico 6433VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 18-11-2006
Scopritore Lanza - Luca
Gruppo scopritore FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Doberdò del Lago / Doberdob
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088163 - Iamiano
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5074996,0
Longitudine Gauss-Boaga 2410700,0
Latitudine WGS-84 45° 49' 10,7676" (45,81965767)
Longitudine WGS-84 13° 35' 34,5584" (13,5929329)
Latitudine UTM WGS-84 5074973,2
Longitudine UTM WGS-84 390694,4
Quota ingresso 158
Data esecuzione posizione 09-02-2008
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1,8m x 1,5m
Tipo ingresso Cunicolo
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Lanza Giorgio
Gruppo appartenenza FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 10
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 5.5
Dislivello totale 5.5
Quota fondo 152.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre sul versante meridionale di Quota 219, sulle pendici a Nord del paese di Comarie.
Descrizione dei vani interni della cavità L'accesso alla grotta è quasi ostruito da massi di crollo e si apre su un ripido declivio. Nel tratto finale si notano alcune tracce della visita fatta dai militari italiani, che la ispezionarono per un eventuale adattamento, non attuato per le sfavorevoli caratteristiche dell'ipogeo.
Nella malagevole saletta finale si nota che il materiale detritico, formato da grosso pietrame, è stato accumulato sul lato sinistro del vano, dove la volta si eleva verso un possibile altro ingresso, ostruitosi con lo sfaldamento del ripido versante che degrada in direzione delle case di Comarie. La cavità diviene impraticabile in corrispondenza di un cunicolo che sbocca all'inizio di un salto verticale, valutabile in circa 7/8 m; le minime dimensioni di tutta questa parte non consentono di tentare uno scavo per forzare il passaggio verso improbabili sviluppi della cavità. Qui sono state trovate a terra alcune stalattiti staccate della volta, mentre è rimasta in loco una piccola stalagmite.
Rilievo Completo - 1:100 - Effettuato in data: 09-02-2008