Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 746 - Abisso Mauro Colognatti

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Mauro Colognatti
Nome principale sloveno
Numero catasto 746
Numero catasto storico 3914VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5061767,0
Longitudine Gauss-Boaga 2427376,0
Latitudine WGS-84 45° 42' 10,9948" (45,7030541)
Longitudine WGS-84 13° 48' 36,2719" (13,81007554)
Latitudine UTM WGS-84 5061744,1
Longitudine UTM WGS-84 407369,9
Quota ingresso 316
Data esecuzione posizione 06-09-2005
Affidabilità posizione 4° gruppo riposizionamento regionale GPS (2005)
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1m x 0,8
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 19
Autore posizione Sgambati Alessandro
Gruppo appartenenza ISP FOR - Ispettorato Ripartimentale Foreste
Autore posizione Martinuzzi Susanna
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Autore posizione
Gruppo appartenenza
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 92
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 168
Dislivello totale 168
Quota fondo 148
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Attraversata la pineta presso Opicina Campagna, il sentiero segnato che porta al Monte Orsario viene a costeggiare sulla destra un esteso campo solcato; al di sotto del medesimo si apre una piccola dolina alberata, dai fianchi scoscesi, sul fondo della quale sprofonda il pozzo di accesso della cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità Nel 1952 questo abisso fu esplorato solamente fino alla profondità di 62m, relativa ad un pozzetto ostruito da detriti ed argilla. Successivamente, nell'autunno del 1961, la Commissione Grotte iniziò a disostruire il pozzetto terminale; quindi, nel corso delle esplorazioni, superò numerose altre ostruzioni e strettoie in roccia, lavorando per 22 giorni, spesso in condizioni di grave disagio, e scoprendo infine una serie di pozzi che portava agli attuali 168m di profondità.
Lungo lo sviluppo della grotta, a tratti interessati da intensa corrosione si alternano tratti nei quali invece si possono osservare varie forme di concrezionamento; alla profondità di 145m ci sono dei banchi di calcare nero.
La discesa dell'abisso richiede la massima prudenza, per il pericolo rappresentato da alcuni tratti molto franosi ed è particolarmente impegnativa, per le notevoli difficoltà rappresentate da molti passaggi stretti e per la presenza di depositi di fango; in molti ambienti, in particolare verso il fondo, sono inoltre presenti rivoli d'acqua e un diffuso stillicidio.
Originariamente conosciuto con il nome di "Piccolo Farneti", questo abisso è stato dedicato alla memoria di Mauro Colognatti, speleologo triestino deceduto improvvisamente, in giovane età, per malattia; una targa di bronzo con il suo nome è stata posta al ciglio del pozzo iniziale.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-01-1962
Foto
Data dello scatto: 18-01-2012

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Gherlizza Franco

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Data dello scatto: 18-10-2012

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Gherlizza Franco

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Data dello scatto: 18-10-2012

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Gherlizza Franco

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino