Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7355 - Riparo 1 del Torrente Nabrodino

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Riparo 1 del Torrente Nabrodino
Nome principale sloveno
Numero catasto 7355
Numero catasto storico 4420FR
Numero totale ingressi 3

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Pulfero
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067021 - Marseu
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5117120,0
Longitudine Gauss-Boaga 2401030,0
Latitudine WGS-84 46° 11' 49,3647" (46,19704574)
Longitudine WGS-84 13° 27' 28,8359" (13,45800996)
Latitudine UTM WGS-84 5117096,6
Longitudine UTM WGS-84 381025,3
Quota ingresso 390
Data esecuzione posizione 04-07-2001
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 6m x 7m
Tipo ingresso Galleria
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Borlini Andrea
Gruppo appartenenza CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 40
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 2
Dislivello negativo
Dislivello totale 2
Quota fondo 390
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Risalire il torrente Nabrodino (partenza da Stupizza), alla seconda cascata risalire il pendio fino ad incontrare una traccia di sentiero. Seguire il sentiero fino a dei costoni, sotto i quali si apre il riparo.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è un grande riparo sotto roccia con 3 ingressi intercomunicanti; non sembrano esserci altre vie di prosecuzione. La cavità veniva probabilmente usata dai cacciatori come riparo per la notte (sono stati ritrovati resti ed ossa di animali e tracce di vecchi focolai).
Rilievo Pianta - 1:200 - Effettuato in data: 04-07-2001