Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 733 - Abisso Carlo Debeljak

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Carlo Debeljak
Nome principale sloveno
Numero catasto 733
Numero catasto storico 3901VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 01-01-1951
Scopritore Skilan - Claudio
Gruppo scopritore CAT - Club Alpinistico Triestino

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5061864,0
Longitudine Gauss-Boaga 2428410,0
Latitudine WGS-84 45° 42' 14,6318" (45,70406438)
Longitudine WGS-84 13° 49' 24,0129" (13,82333692)
Latitudine UTM WGS-84 5061841,1
Longitudine UTM WGS-84 408403,9
Quota ingresso 318
Data esecuzione posizione 31-08-2000
Affidabilità posizione 2° gruppo riposizionamento regionale GPS (2000)
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,65 x 0,60m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 16.6
Autore posizione Manzoni Marco
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 348.9
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 202.6
Dislivello totale 202.6
Quota fondo 115.4
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità Questo abisso, uno dei più profondi e interessanti del Carso triestino, è stato dedicato alla memoria di Carlo Debeljak, giovane speleologo perito in un incidente nell'Abisso Silvano Zulla(703/3873VG).
L'imbocco della cavità, situato sul fondo di una piccola dolina, al momento della scoperta era solamente una fessura, ed anche alla base del pozzo d'accesso il proseguimento si presentava sotto forma di una stretta fenditura impraticabile, cosicchè si dovettero impiegare molte giornate di duro lavoro per allargare i passaggi.
Sotto il pozzo d'accesso, al di là della strettoia, sprofonda, per 100m, il grande pozzo dell' abisso, che ha una struttura molto regolare ed uniforme e dalle sue pareti si staccano spesso pietre e lame di roccia a causa dell'intensa corrosione in atto. Un altro salto verticale, di 39m, segue il pozzo profondo 100m, quindi una serie di stretti pozzi franosi porta alla massima profondità.
Poco oltre la metà del pozzo di 39m, si sviluppa un complicatissimo sistema di caverne sovrapposte, divise da grandi ponti naturali e da massi incastrati, dove alcuni ambienti sono adorni di bellissimi gruppi di stalattiti.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 26-10-1967
Foto
Data dello scatto: 29-12-2013

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Gherlizza Franco

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Data dello scatto: 29-12-2013

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Gherlizza Franco

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Data dello scatto: 20-10-2012

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Miglia Andrea

Gruppo di appartenenza: FANTE - Gruppo Speleologico Monfalconese Amici del Fante

Data dello scatto: 20-10-2012

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Miglia Andrea

Gruppo di appartenenza: FANTE - Gruppo Speleologico Monfalconese Amici del Fante