Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7319 - Antro a SW della Fonte dei Malati

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Antro a SW della Fonte dei Malati
Nome principale sloveno
Numero catasto 7319
Numero catasto storico 4386FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 01-05-2009
Scopritore Concina - Giorgio
Gruppo scopritore GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Tramonti di Sopra
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048063 - Tramonti di Sopra
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5131445,0
Longitudine Gauss-Boaga 2348656,0
Latitudine WGS-84 46° 18' 52,9631" (46,31471198)
Longitudine WGS-84 12° 46' 28,0359" (12,77445442)
Latitudine UTM WGS-84 5131422,2
Longitudine UTM WGS-84 328652,4
Quota ingresso 720
Data esecuzione posizione 01-05-2009
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 22m x 13m
Tipo ingresso Caverna
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Concina Giorgio
Gruppo appartenenza GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 22
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 5.5
Dislivello negativo
Dislivello totale 5.5
Quota fondo 720
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Non visibili prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si parte da Tramonti di Sopra. Si prende il sentiero che porta alla “Fonte dei malati” – “Anello del Monte Cretò” versante M. Roppa. Dopo aver attraversato il Rio Celestia, si risale per un breve tratto il sentiero e poi, abbandonandolo, si prosegue sulla sinistra in verticale. In breve si raggiungono le pendici del soprastante M. Roppa. Alla base della parete si apre l'ingresso dell'antro che è visibile da lontano.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di un ampio riparo, con una piccola risorgiva sul fondo verso destra, da cui esce un rivolo d'acqua che si perde fra l'erba. Sul lato destro, alcuni blocchi.
Rilievo Completo - 1:200 - Effettuato in data: 01-05-2009