Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7272 - Grotta del Silenzio

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta del Silenzio
Nome principale sloveno
Numero catasto 7272
Numero catasto storico 4342FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 04-05-2008
Scopritore Bosco - Fabrizio
Gruppo scopritore GS VALLI - Gruppo Speleologico Valli del Natisone

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune San Pietro al Natisone
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067074 - Crostù
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5110105,3
Longitudine Gauss-Boaga 2405077,9
Latitudine WGS-84 46° 8' 4,6701" (46,13463058)
Longitudine WGS-84 13° 30' 43,7603" (13,51215565)
Latitudine UTM WGS-84 5110082,0
Longitudine UTM WGS-84 385073,0
Quota ingresso 240
Data esecuzione posizione 12-02-2012
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 2m x 4m
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 4.5
Autore posizione Colus Andrea
Gruppo appartenenza SSC LINDNER - Società di Studi Carsici Antonio Federico Lindner
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 86
Sviluppo spaziale 98
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 24
Dislivello totale 24
Quota fondo 216
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso Si
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Da Tarpezzo prendere la strada asfaltata che oltrepassa il torrente e sale verso le cave. Giunti all'inizio della recinzione della cava, risalire il ripido versante della montagna in direzione Est, seguendo il profondo canalone scavato da un torrente. L'ampio ingresso della grotta si trova ad una decina di metri dal canalone, sulla sinistra orografica.
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso ha la forma di un grande sprofondamento, largo poco più di 2 m, ma lungo 8 m. Alla base in direzione E, si apre l'ingresso ad una cavernetta. Qui, il terriccio proveniente dall'esterno lascia il posto a materiale detritico e grossi massi e partono alcuni brevi rami a morfologia meandriforme. Sono quasi tutti stretti e terminano con fessure impraticabili. Dalle fessure presenti tra i grossi massi della caverna iniziale, fuoriusciva un discreto flusso d'aria. Da un pertugio aperto con lavoro di scavo tra i massi, scende un pozzo inizialmente stretto, che dopo alcuni metri permette l'accesso ad una sala di 5 m per 3,5 m. La base risulta colma da materiale lapideo grossolano e da alcuni enormi massi. Sul lato SE sale un camino, mentre verso S scende un pozzetto di pochi metri. Alla base di questo è stato necessaria asportare alcuni massi per poter accedere ad una fessura che conduce ad un ulteriore saltino. Qui, una breve galleria congiunge questa parte sub verticale della grotta con un ramo attivo. Questo ramo inizia con un laghetto profondo un metro e venti centimetri. Al termine, a poco più di un metro d'altezza dall'acqua, si apre tra concrezioni, una fessura a gomito che è stata allargata a fatica. Oltre, il ramo ritorna ampio. E' percorso quasi interamente dal flusso dell'acqua e presenta molte concrezioni. Non solo stalattiti, ma anche numerose colate calcitiche alla base, erose dalla circolazione d'acqua. Dopo pochi metri, la volta comincia ad abbassarsi, costringendo gli esploratori ad immergersi nell'acqua per poter proseguire. Al termine, la volta raggiunge la superficie del ruscello. Qui, l'acqua è profonda pochi centimetri, non si sente rumore di ruscellamento e la circolazione d'aria risulta assente. Tra le sabbie del fondo del ruscello, si trovano molti detriti vegetali minuti, in disfacimento e alcune castagne. Questo fa presumere che a monte, ci sia una seconda comunicazione con la superficie, anche se di dimensioni non percorribili, dato che, una attenta ricerca non ha portato risultati significativi
Rilievo Pianta - Effettuato in data: 25-05-2008
Foto
Data dello scatto: 12-02-2012

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Colus Andrea

Gruppo di appartenenza: SSC LINDNER - Società di Studi Carsici Antonio Federico Lindner

Data dello scatto: 12-02-2012

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Colus Andrea

Gruppo di appartenenza: SSC LINDNER - Società di Studi Carsici Antonio Federico Lindner

Tipo inquadratura: Ingresso