Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7233 - Grotta a N di Pegliano

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta a N di Pegliano
Nome principale sloveno
Numero catasto 7233
Numero catasto storico 4305FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 15-02-2007
Scopritore Faidutti - Angelo
Gruppo scopritore CSSGDA - Centro Speleologico S. Giovanni d'Antro

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Pulfero
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067022 - Pulfero
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5114345,0
Longitudine Gauss-Boaga 2401228,0
Latitudine WGS-84 46° 10' 19,6125" (46,17211459)
Longitudine WGS-84 13° 27' 40,5773" (13,46127146)
Latitudine UTM WGS-84 5114321,6
Longitudine UTM WGS-84 381223,2
Quota ingresso 578
Data esecuzione posizione 18-05-2007
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 3 x 2,5
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 3
Autore posizione Bosco Fabrizio
Gruppo appartenenza CSSGDA - Centro Speleologico S. Giovanni d'Antro
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 14.4
Sviluppo spaziale 16
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 4.6
Dislivello totale 4.6
Quota fondo 573.4
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Da San Giovanni D'Antro raggiungere Pegliano e Proseguire sino al Borgo Coceanzi. Qui prendere una strada forestale che si dirige verso Nord. Al bivio, in prossimità di un piccolo torrente quasi sempre asciutto, si parcheggia la macchina e si ritorna indietro lungo la strada per 100 metri in direzione Pegliano. Si sale lungo il ripido clinale della collina per una ventina di metri sino ad incontrare l'ampio ingresso della cavità, che non è visibile dalla strada.

Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è stata formata da un piccolo corso d'acqua sotterraneo che ha eroso il terriccio sino a quando, per effetto gravitativo, la volta è crollata.
Al momento del ritrovamento l'aspetto era quello di un semplice inghiottitoio circondato da terriccio. Alla base del primo saltino, asportando terra e qualche ciotolo, si sono aperte due anguste gallerie che si congiungono con una finestrella tra concrezioni. L'acqua percorre abitualmente il ramo W, ma dopo pochi metri, una strettoia sub orizzontale in roccia calcarea, alta non più di 15 centimetri, mette fine alla possibilità di prosecuzione. La prima parte della grotta, in direzione S, non presenta evidenti affioramenti rocciosi. Il terriccio non stabilizzato da vegetazione continuerà a franare. E' pertanto prevedibile che la grotta, che si è aperta da non più di due anni, subisca delle modifiche in fase di assestamento
Rilievo Completo - 1:100 - Effettuato in data: 18-05-2007