Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7209 - Grotta della Fata Morgana

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta della Fata Morgana
Nome principale sloveno
Numero catasto 7209
Numero catasto storico 6401VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 31-08-2008
Scopritore Tauceri - Franco
Gruppo scopritore PRIVATO - Nessun gruppo di appartenenza

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110054 - Santa Croce di Trieste
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5066295,8
Longitudine Gauss-Boaga 2417002,8
Latitudine WGS-84 45° 44' 32,4291" (45,74234143)
Longitudine WGS-84 13° 40' 33,2271" (13,67589641)
Latitudine UTM WGS-84 5066273,0
Longitudine UTM WGS-84 396997,0
Quota ingresso 167
Data esecuzione posizione 04-08-2015
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,8m x 1,6m
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 2
Autore posizione Gherlizza Franco
Gruppo appartenenza CAT - Club Alpinistico Triestino
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 6.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 2
Dislivello totale 2
Quota fondo 165
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso Si
Prosecuzioni Non visibili prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso si trova ai piedi di un pino, ai margini di una pietraia, sulla falda a nord-ovest del monte Babiza, in prossimità di una serie di fortificazioni costruite con muri a secco
Descrizione dei vani interni della cavità E' plausibile che questa cavità possa essere la “Grotta sopra le sorgenti di Aurisina” (184/347VG) rilevata dal Boegan nel 1907.
Oggi infatti si identifica la “Grotta sopra le sorgenti di Aurisina” con la “Grotta del Mago Merlino”, ma tutta una serie di discrepanze tra la descrizione del Boegan e la morfologia della Mago Merlino porta a pensare che possa non esser così.
E' da mettere in evidenza ad esempio il fatto che la posizione di questa nuova cavità coincide esattamente con quella data da Boegan: “700 metri a NordOvest + 17° gradi nord dalle Sorgenti di Aurisina”, (intendendo con “Sorgenti di Aurisina” non lo stabilimento delle sorgenti a mare, ma lo stabilimento dell'acquedotto a monte della linea ferroviaria). Viceversa tale indicazione appare del tutto erronea se riferita alla “Grotta del Mago Merlino”. Questo fatto, unitamente ad una concordanza generale con le descrizioni date dal Boegan, porta quindi ad ipotizzare che possa esser questa, e non la Mago Merlino, la “grotta sopra le sorgenti di Aurisina”.
Solo dopo l'asportazione del cono detritico e l'esplorazione successiva si potrà verificare la fondatezza di tale ipotesi.


Rilievo Completo - 1:50 - Effettuato in data: 27-09-2012
Foto
Data dello scatto: 04-08-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Gherlizza Franco

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Data dello scatto: 04-08-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Gherlizza Franco

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Data dello scatto: 27-09-2012

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Gherlizza Franco

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino