Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 7171 - Grotta delle due Punte

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta delle due Punte
Nome principale sloveno
Numero catasto 7171
Numero catasto storico 6390VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta
Scopritore De Filippo - Claudio
Gruppo scopritore AXXXO - Associazione XXX Ottobre

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5061600,1
Longitudine Gauss-Boaga 2426972,7
Latitudine WGS-84 45° 42' 5,3935" (45,7014982)
Longitudine WGS-84 13° 48' 17,7406" (13,80492794)
Latitudine UTM WGS-84 5061577,2
Longitudine UTM WGS-84 406966,6
Quota ingresso 307
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 4
Autore posizione De Filippo Claudio
Gruppo appartenenza AXXXO - Associazione XXX Ottobre
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 20.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 18
Dislivello totale 18
Quota fondo 289
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si percorre la strada che da Opicina conduce a Monrupino; prima di arrivare alla Conca di Percedol, si prende a destra una carrareccia, che si percorre per circa 400m dopo i quali ci si inoltra in direzione Sud per un altro centinaio di metri fino ad incontrare un'ampia dolina sul bordo della quale si apre la cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo d'accesso, di dimensioni piuttosto ridotte, porta in una bella saletta dalla quale si dipartono 2 rami. Al primo si accede superando un saltino di 5m, dopo il quale, opposta ad una saletta riccamente concrezionata, una ripida rampetta porta ad un cunicolo che sbocca in un altro piccolo vano dal fondo fangoso.
Il secondo ramo prende inizio da una piccola finestrella che si apre nella parete della sala sopraccitata. Dietro questo varco si trova un esiguo allargamento che porta, tramite un pozzo di 13m con un'impegnativa strettoia, alla sala finale, ricca di concrezioni perfettamente intatte.
In nessuno dei due rami si sono individuate prosecuzioni percorribili.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 15-11-2003