Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6986 - Caverna - Ricovero Tana del Gurzo

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna - Ricovero Tana del Gurzo
Nome principale sloveno
Numero catasto 6986
Numero catasto storico 6348VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta
Scopritore Non noto -
Gruppo scopritore NN - Sconosciuto

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Doberdò del Lago / Doberdob
Tipo carta
Carta CTRN 1:5.000 088151 - Bonetti
Tipo posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5076185,0
Longitudine Gauss-Boaga 2409516,0
Latitudine WGS-84 45° 49' 48,6027" (45,83016743)
Longitudine WGS-84 13° 34' 38,7273" (13,57742424)
Latitudine UTM WGS-84 5076162,2
Longitudine UTM WGS-84 389510,5
Quota ingresso 166
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Non specificato
Gruppo appartenenza CAT - Club Alpinistico Triestino
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 9
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 2.5
Dislivello totale 2.5
Quota fondo 163.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dopo aver lasciato il Ricovero in Caverna a Nord di Jamiano (6985/6347VG) si prosegue lungo la linea trincerata sino ad incontrare lo stretto ingresso di questa grotta.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di una caverna - ricovero ad andamento orizzontale quasi completamente adattata dall'intervento dei soldati austro-ungarici. Presenta una particolarità costruttiva mai riscontrata prima d'ora: il ricovero ha uno stretto ingresso naturale, non adattato, mentre dopo alcuni metri inizia lo scavo artificiale. Probabilmente data l'esposizione della trincea (prospiciente la quota 144 e la sottostante vallata del lago di Doberdò) l'esercito austro-ungarico ritenne opportuno non iniziare lo scavo dall'ingresso ma di conservarlo di dimensioni ridotte e proseguire nella realizzazione del ricovero dall'interno.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 04-04-2004
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso con sigla

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Tipo inquadratura: Ingresso con sigla

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino