Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6966 - Pozzo 9° a NW di Ialig

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 9° a NW di Ialig
Nome principale sloveno
Numero catasto 6966
Numero catasto storico 4106FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 15-04-2004
Scopritore Bosco - Fabrizio
Gruppo scopritore CSSGDA - Centro Speleologico S. Giovanni d'Antro
Data scoperta 15-04-2004
Scopritore Aviani - Umberto
Gruppo scopritore FJ - Associazione Speleologica Forum Julii Speleo

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Pulfero
Tipo carta
Carta CTRN 1:5.000 067022 - Pulfero
Tipo posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5112707,0
Longitudine Gauss-Boaga 2401403,0
Latitudine WGS-84 46° 9' 26,6705" (46,15740847)
Longitudine WGS-84 13° 27' 50,2115" (13,46394764)
Latitudine UTM WGS-84 5112683,7
Longitudine UTM WGS-84 381398,2
Quota ingresso 545
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 24
Autore posizione Bosco Fabrizio
Gruppo appartenenza CSSGDA - Centro Speleologico S. Giovanni d'Antro
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 12.9
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 38
Dislivello totale 38
Quota fondo 507
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si percorre la strada che da San Giovanni d'Antro porta a Pegliano. Circa 20 metri dopo aver oltrepassato il Rio Zabosniach sul lato sinistro della strada inizia un sentiero poco visibile. Oltrepassata una baracca in legno si sale lungo la massima pendenza della montagna fino a raggiungere un altopiano erboso dove si trovano le grotte 1608/621FR e 2563/1224FR. Si continua a salire in direzione NW. Dopo una cinquantina di metri in linea d'area in una zona di fittissima vegetazione si trova il piccolo ingresso del pozzo.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di una cavità ad andamento verticale. L'ingresso di forma ellittica ha dimensione di 1 x 0,7 m e si apre in uno strato di marna. I primi 5 metri sono formati da marna mista a blocchi di calcare debolmente cementati e concrezioni senili. Dopo un terrazzino ricoperto da terriccio e materiale vegetale in decomposizione, sostenuto da grossi massi incastrati tra loro, il pozzo si allarga notevolmente con una base a forma di imbuto ricoperta da materiale lapideo piuttosto minuto ed instabile, che scende con discreta pendenza verso l'imbocco del pozzo interno. A lato della base del pozzo d'accesso, salendo 2 metri, si incontra un camino che chiude con grossi massi incastrati. Alla base del secondo pozzo invece si aprono due fessure impraticabili ed un cunicolo tra materiale clastico grossolano, che porta tra massi di frana ad un saltino terminale. Non si percepisce significativa circolazione d'aria in nessuna parte del pozzo la cui discesa è particolarmente rischiosa per l'impossibilità di evitare la caduta di sassi, in particolare nella parte terminale.
La grotta esclusi i primi 5 metri è composta da calcare grigio nerastro profondamente eroso in alcuni punti. In modo particolare in prossimità della base del primo pozzo si notano nel calcare compatto venature di calcare bianchissimo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 17-08-2004