Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6942 - Pozzo Tos 6

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo Tos 6
Nome principale sloveno
Numero catasto 6942
Numero catasto storico 4082FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 31-12-2000
Scopritore Tosone - Daniele
Gruppo scopritore GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049081 - Monte Musi
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5132184,0
Longitudine Gauss-Boaga 2390640,3
Latitudine WGS-84 46° 19' 50,4" (46,33066667)
Longitudine WGS-84 13° 19' 9,4" (13,31927778)
Latitudine UTM WGS-84 5132160,5
Longitudine UTM WGS-84 370636,0
Quota ingresso 1438
Data esecuzione posizione 27-09-2019
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0.8 x 0.8 m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 8
Autore posizione Premiani Furio
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 20
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 22.6
Dislivello totale 22.6
Quota fondo 1415.4
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso della cavità in oggetto è ubicato sul versante Nord-Est del Circolo dei Musi. La zona è caratterizzata da una parte pianeggiante che quasi immediatamente digrada su una accentuata pendenza originando il franapoggio del versante monoclinale. In termini geologici questa zona è l'antica spalla sinistra del ghiacciaio di valle che da Sella Carnizza si snodava fino al torrente Resia. Il luogo è ricoperto da una folta faggeta e da un abbondante strato di foglie e humus che lasciano scoperte a tratti le bianche testate delle bancate calcaree.
La strada più breve per giungere all'imbocco della cavità è quella di seguire il sentiero oramai rifatto dall'Ente Parco fino alla quota 1380 metri e quindi spostarsi in direzione Est costeggiando l'altura quotata 1482.8 metri.
L'ingresso della cavità si apre sul fianco di una vasta depressione che digrada verso il franapoggio della monoclinale.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di una cavità ad andamento verticale. E' impostata su una frattura avente direzione SSW -NNE ed è formata da una forra ostruita da materiale lapideo e terra. Ogni prosecuzione verticale è occlusa. Nel punto 3 si sono verificati dei crolli spontanei che hanno sconsigliato ogni eventuale indagine.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-12-2000
Foto
Data dello scatto: 27-09-2019

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Premiani Furio

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Descrizione inquadratura: Targhetta identificativa
Data dello scatto: 27-09-2019

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Premiani Furio

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Descrizione inquadratura: Ingresso cavità
Data dello scatto: 27-09-2019

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Premiani Furio

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Descrizione inquadratura: Panoramica esterna