Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6835 - Voragine 2° presso il Tempio del Ghiaccio

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Voragine 2° presso il Tempio del Ghiaccio
Nome principale sloveno
Numero catasto 6835
Numero catasto storico 3990FR
Numero totale ingressi 2

Scopritori
Data scoperta 30-06-2002
Scopritore Mikolic - Umberto
Gruppo scopritore CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050022 - Sella Prevala
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5136743,0
Longitudine Gauss-Boaga 2402588,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 25,8794" (46,37385539)
Longitudine WGS-84 13° 28' 23,8861" (13,47330169)
Latitudine UTM WGS-84 5136719,2
Longitudine UTM WGS-84 382583,6
Quota ingresso 1865
Data esecuzione posizione 30-06-2002
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 20
Autore posizione Mikolic Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 90
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 27
Dislivello totale 27
Quota fondo 1838
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si trova a circa 25 metri dalla grotta Tempio del Ghiaccio 6160/3535FR.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di una cavità ad andamento verticale con due ingressi separati da un ponte naturale. La voragine più grande, posta verso NE, presenta una ripida china detritica. L'altro ingresso è meno ampio e permette di accedere ad un ramo bypass costituito da una galleria in forte discesa.
La base della voragine è in parte occupata da un potente cumulo di neve che in certi tratti lascia spazio a del ghiaccio fossile. Il punto più fondo è caratterizzato da un piccolo laghetto nel ghiaccio.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 30-06-2002