Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6769 - Grotta a SE della Malga Monte Mia

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta a SE della Malga Monte Mia
Nome principale sloveno
Numero catasto 6769
Numero catasto storico 3954FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Pulfero
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050142 - Stupizza
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5119629,5
Longitudine Gauss-Boaga 2401917,7
Latitudine WGS-84 46° 13' 11,1967" (46,21977687)
Longitudine WGS-84 13° 28' 7,9824" (13,468884)
Latitudine UTM WGS-84 5119606,0
Longitudine UTM WGS-84 381913,0
Quota ingresso 1110
Data esecuzione posizione 27-12-2013
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 4 x 6m
Tipo ingresso Scivolo
Profondità pozzo d'accesso 7.7
Autore posizione Bosco Fabrizio
Gruppo appartenenza GS VALLI - Gruppo Speleologico Valli del Natisone
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 37.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 15.5
Dislivello totale 15.5
Quota fondo 1094.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Partendo dall'abitato di Stupizza si percorre il sentiero che attraverso la valle di Pradolino conduce alla cima del Monte Mia. Si abbandona il sentiero circa 100 metri prima di raggiungere la malga e si sale in direzione Est. Oltrepassati i ruderi delle vecchie malghe, si continua a salire mantenendo la stessa direzione. Una volta intercettata una profonda dolina se ne costeggia il bordo continuando a salire in direzione Est lungo un canalone poco marcato. Raggiunta una zona relativamente pianeggiante chiusa in una gola, si nota sulla sinistra l'ampio ingresso della grotta: si apre tra un diedro formato da due alte pareti rocciose.
Descrizione dei vani interni della cavità E' una modesta cavità a più ingressi che si incontrano uno di seguito all'altro scendendo la china detritica a debole pendenza. Il primo è stretto e profondo 3 metri (P1). Il secondo è più largo e misura 4 metri. La base di questo pozzo consiste in un cono di materiale detritico e grossi massi. Passando tra uno di questi blocchi e la parete di destra, si raggiunge un piccolissimo inghiottitoio ostruito da pietre da cui debolmente esce aria fredda. Dalla parte opposta c'è una salita di 3 metri che conduce ad un meandro dove si collega anche il primo ingresso (P1). Al termine del meandro si apre verso l'alto un piccolo passaggio che immette in una sala. Verso il basso invece un pozzo profondo 6,3 metri (P2) conduce ad una sala ingombra di materiale detritico disposto in modo caotico.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 08-06-2003
Foto
Data dello scatto: 27-12-2013

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Balutto Alceo

Gruppo di appartenenza: GS VALLI - Gruppo Speleologico Valli del Natisone

Data dello scatto: 27-12-2013

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Balutto Alceo

Gruppo di appartenenza: GS VALLI - Gruppo Speleologico Valli del Natisone

Data dello scatto: 27-12-2013

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Balutto Alceo

Gruppo di appartenenza: GS VALLI - Gruppo Speleologico Valli del Natisone