Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6708 - Grotta 2° nella Dolina degli Elfi

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta 2° nella Dolina degli Elfi
Nome principale sloveno
Numero catasto 6708
Numero catasto storico 6264VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta
Carta CTRN 1:5.000 110054 - Santa Croce di Trieste
Tipo posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5066401,0
Longitudine Gauss-Boaga 2419279,0
Latitudine WGS-84 45° 44' 37,0429" (45,74362304)
Longitudine WGS-84 13° 42' 18,4571" (13,70512696)
Latitudine UTM WGS-84 5066378,2
Longitudine UTM WGS-84 399273,1
Quota ingresso 190
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Malandrino Paolo
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 27.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 8
Dislivello totale 8
Quota fondo 182
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Partendo dal piccolo spiazzo che si trova poco prima di entrare nell'abitato di Bristie, arrivando da Santa Croce, si percorre per poche centinaia di metri il sentiero che costeggia la ferrovia Trieste - Villa - Opicina – Sesana. Quando il sentiero si stacca dalla strada ferrata, sulla destra si apre una modesta dolina di forma allungata e con il fondo completamente piatto; se la attraversa tutta fino ad incontrare un residuo di cava. L'ingresso della grotta si trova sul bordo della dolina risalendo per pochi metri. Nella stessa sono presenti altre cavità, in particolare la 5779/5984VG.
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso della cavità si presenta come un relativamente comodo scivolo di terriccio e pietrisco che per circa cinque metri prosegue in linea retta, terminando in una fessura alta e stretta chiusa da grosse pietre (punto 1); poco prima del fondo di questo primo tratto sono state individuate le due prosecuzioni che compongono il resto della grotta. Scendendo sul lato NE del cunicolo, è stato aperto un pertugio (Sez. A-A') che ha condotto ad un successivo vano, anch'esso inclinato, di altezza pressoché costante, il cui pavimento è composto da terriccio e pietrisco. Dopo alcuni brevi lavori di disostruzione nella parte più bassa dell'ambiente è stato reso transitabile un altro cunicolo che conduce alla successiva cavernetta, che a differenza dei precedenti ambienti è completamente e riccamente concrezionata. Il pavimento di questa cavernetta è, tranne la parte più lontana dall'ingresso, inclinato e caratterizzato da un'imponente blocco squadrato di roccia concrezionata, residuo di antichi crolli (punto 5). Un angusto passaggio (punto 8) dà l'accesso ad una ulteriore stanzetta, divisa dal resto del vano da un'imponente serie di colate e concrezioni: questi due ambienti non hanno evidenziato alcuna probabile prosecuzione. Dal cunicolo che conduce a questa parte della grotta (punto 3) un ripido e stretto passaggio scavato nel terriccio, ha consentito di individuare un'ulteriore piccolo vano di forma allungata. La parte rivolta verso Ovest di questo angusto spazio è stata, con l'aiuto delle lampade elettriche, messa in collegamento con l'altro ramo della cavità, quello che dall'ingresso punta verso SW (punto 2). Da questo punto con un piccolo salto si giunge in un altro cunicolo che dopo pochi metri di percorso pressoché rettilineo termina in maniera inesorabile nella terra e nelle pietre. Nella parte iniziale di questo passaggio è stato scavato un inizio di prosecuzione che poi, come detto, si è rivelata essere in collegamento con la parte più bassa della cavità.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 27-10-2002