Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 67 - Grotta sul Monte Cocusso

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta sul Monte Cocusso
Nome principale sloveno
Numero catasto 67
Numero catasto storico 45VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110151 - Grozzana
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5055211,0
Longitudine Gauss-Boaga 2433202,0
Latitudine WGS-84 45° 38' 41,3184" (45,64481068)
Longitudine WGS-84 13° 53' 9,8521" (13,88607003)
Latitudine UTM WGS-84 5055188,1
Longitudine UTM WGS-84 413195,7
Quota ingresso 481
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 11
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 51
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 17
Dislivello totale 17
Quota fondo 464
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso della grotta è situato sulle pendici del Monte Cocusso presso il limite della pineta che sale verso la quota terminale.
Il pozzo d'accesso, dalle pareti accidentate da nicchie e piccoli ripiani, porta alla sommità di un cono detritico terroso che scende con forte pendenza in due diramazioni. Quella più breve termina con un vano ascendente composto da varie nicchie fortemente concrezionate, mentre l'altra è quanto mai complessa per la presenza di tre grandi ponti naturali probabilmente costituiti da enormi blocchi incastrati tra le pareti ed ormai dissimulati dalle incrostazioni calcitiche; un pozzetto impraticabile si apre a ridosso della parete destra, tra il secondo ed il terzo ponte. La diramazione termina con un cunicolo ascendente dal suolo detritico, che va restringendosi progressivamente; la presenza di una debole corrente d'aria e di radici fa dedurre che la superficie non deve essere lontana da questo punto.
Nonostante le profonde alterazioni dovute ai crolli ed alla successiva litogenesi, la grotta rivela chiaramente la sua origine fluviale.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 10-04-1965