Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6688 - Abisso a SE di Selvaz

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso a SE di Selvaz
Nome principale sloveno
Numero catasto 6688
Numero catasto storico 3909FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Castelnovo del Friuli
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048154 - Monte Ciaurlec
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5122890,0
Longitudine Gauss-Boaga 2354318,0
Latitudine WGS-84 46° 14' 21,0477" (46,23917992)
Longitudine WGS-84 12° 51' 3,4195" (12,85094986)
Latitudine UTM WGS-84 5122867,3
Longitudine UTM WGS-84 334314,2
Quota ingresso 1015
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 30
Autore posizione Concina Giorgio
Gruppo appartenenza GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 206
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 109
Dislivello totale 109
Quota fondo 906
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si trova a S-E della Malga Selvaz lungo un sentiero a quota 1015m.
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso consiste in un ampio pozzo avente le dimensioni di 15 x l0m, con una profondità valutata in circa 25 - 30m. Sul versante nord del pozzo vi sono due ampi sottoroccia interessati da evidente fenomeno clastico.
Il pozzo, disceso sul versante est, ha un altezza di 30m e porta alla sommità di una grande china detritica con inclinazione di 30°. Dopo 35m, si giunge alla base della vasta sala alla profondità di 47m. La sala ha una lunghezza di 42m ed una larghezza di l0m. In fondo sulla sinistra un pozzetto.
Sul versante ovest, dopo essere risaliti sopra ad alcuni blocchi di frana, si giunge ad un passaggio basso che porta ad una sala interna. Si risale uno scivolo di 8m che porta sotto ad un camino; alla destra si aprono dei pozzetti che comunicano con una sala sottostante. In breve si giunge ad un P9. Disceso il pozzo e percorsi alcuni metri, si arriva ad un passaggio basso (quota -49,3m) che immette su un P58. Alla base un ulteriore pozzetto di 2,5m pone fine alla cavità alla profondità di 109m. Ritornando sopra al P9 e risalendo un masso sulla sinistra, troviamo una prima ampia sala (m 15x8) con un grosso accumulo di blocchi. Sulla parte alta, dopo un passaggio basso, si arriva in una seconda sala (m 15x8) molto concrezionata. Sul fondo, in mezzo a dei blocchi di crollo, uno scivolo argilloso pone fine alla cavità.
La cavità è nettamente impostata su una faglia (E-W) che origina anche ad altre cavità quali MC50, MC51 ed altri piccoli pozzi vicini; nella zona sono inoltre presenti numerose doline.
La cavità si diversifica dalle altre presenti sul M. Ciaurlèc per la notevole quantità di concrezioni presenti specialmente nelle sale terminali. Non vi è scorrimento idrico, ma un fastidioso stillicidio è sempre presente.
Non è stato possibile seguire la corrente d'aria che si percepisce nelle zone iniziali perché si disperde nelle zone di crollo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-03-2002