Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6629 - Grotta Ocio de Sora

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta Ocio de Sora
Nome principale sloveno
Numero catasto 6629
Numero catasto storico 3859FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta
Carta CTRN 1:5.000 050012 - Narone
Tipo posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5136744,0
Longitudine Gauss-Boaga 2397704,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 22,7994" (46,37299982)
Longitudine WGS-84 13° 24' 35,3629" (13,40982303)
Latitudine UTM WGS-84 5136720,3
Longitudine UTM WGS-84 377699,7
Quota ingresso 2105
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5
Autore posizione Gherlizza Franco
Gruppo appartenenza CAT - Club Alpinistico Triestino
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 19
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 5
Dislivello totale 5
Quota fondo 2100
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso Si
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre sul fondo di una grande dolina di crollo:
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso, piuttosto instabile, si apre tra massi di crollo ed una levigata parete verticale. Dopo una caotica china detritica costellata di massi di varie dimensioni, si giunge in una caverna franosa, alta poco più di 4m.
Il rilievo, frettoloso ed incerto, è da ritenersi esplorativo.
In futuro, se le condizioni miglioreranno, sarà possibile investigare i vari punti dai quali esce una forte corrente d'aria.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 29-08-2001