Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6596 - Pozzetto a NW della Stazione di Prosecco

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzetto a NW della Stazione di Prosecco
Nome principale sloveno
Numero catasto 6596
Numero catasto storico 6233VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta
Carta CTRN 1:5.000 110063 - Borgo Grotta Gigante
Tipo posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5063724,0
Longitudine Gauss-Boaga 2422729,0
Latitudine WGS-84 45° 43' 12,0994" (45,7200276)
Longitudine WGS-84 13° 45' 0,0112" (13,75000311)
Latitudine UTM WGS-84 5063701,2
Longitudine UTM WGS-84 402723,0
Quota ingresso 264
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 6
Autore posizione Malandrino Paolo
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 3.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 11
Dislivello totale 11
Quota fondo 253
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si imbocca la strada che dalla Provinciale Prosecco – Aurisina conduce alla Stazione ferroviaria di Prosecco e, appena oltrepassati i binari, la si abbandona per percorrere alcune centinaia di metri in direzione NW lungo i binari dismessi, restando sul limite della boscaglia. All'altezza della fine dei binari ci si inoltra nella vegetazione, si oltrepassa la zona di affioramenti fra i quali spicca la “Vasca Martel” e si prosegue tra gli arbusti in direzione NE. Dopo poche decine di metri, fra banchi di calcare affioranti, si apre il pozzetto.
Descrizione dei vani interni della cavità L'imbocco della cavità, di forma allungata e quasi perfettamente orientata in direzione Nord Sud, è parzialmente ostruito, nella sua parte più larga, da alcuni massi di notevoli dimensioni incastrati precariamente.
Al di sotto dell'ingresso il pozzo si allarga per terminare su una china di pietre e terriccio che porta allo stretto imbocco del pozzetto successivo, il cui fondo di pietrisco non evidenzia alcuna prosecuzione.
Le pareti del pozzo d'accesso sono corrose mentre quelle del pozzetto interno sono completamente concrezionate.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 24-06-2001