Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6534 - Baratro Botanico

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Baratro Botanico
Nome principale sloveno
Numero catasto 6534
Numero catasto storico 6209VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110102 - Trieste Nord-Est
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5057905,0
Longitudine Gauss-Boaga 2429015,0
Latitudine WGS-84 45° 40' 6,6639" (45,66851776)
Longitudine WGS-84 13° 49' 54,6533" (13,83184814)
Latitudine UTM WGS-84 5057882,2
Longitudine UTM WGS-84 409008,8
Quota ingresso 352
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 10
Autore posizione Marini Dario
Gruppo appartenenza JOSPDT - Jamarski odsek SPDTrst
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 10
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 10
Dislivello totale 10
Quota fondo 342
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre in un terreno privato di proprietà del Sig. Milan Kralj di Trebiciano, attorno al quale si trovano alcune roulotte. Quaranta metri in direzione SSE dall'imbocco della cavità si trova una dolina occupata da un immondezzaio. A Nord si notano stupendi affioramenti monumentali (Karren a blocchi). L'accesso alla cavità è possibile solo da Est, in quanto nelle altre direzioni si incontrano recinzioni che impediscono il passaggio.
Descrizione dei vani interni della cavità Piccola voragine di notevole interesse speleo-botanico.
Il fondo è facilmente raggiungibile scendendo dal versante Ovest, lungo bassi gradoni formati da banchi calcarei con giacitura quasi orizzontale.
Oltre alle piante più vistose, è da segnalare la presenza sulle pareti di colonie di muschi di singolare compattezza e sviluppo; nell'angolo NE la parete è incisa da un evidente solco a gronda. Sul fondo cresce un esemplare di sambuco nero.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 11-03-2001