Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6491 - Pozzo Mucca Pazza

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo Mucca Pazza
Nome principale sloveno
Numero catasto 6491
Numero catasto storico 6197VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 26-11-2000
Scopritore Tosone - Daniele
Gruppo scopritore GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 109044 - San Giovanni al Timavo
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5070422,0
Longitudine Gauss-Boaga 2412314,0
Latitudine WGS-84 45° 46' 43,5183" (45,77875509)
Longitudine WGS-84 13° 36' 53,0011" (13,61472252)
Latitudine UTM WGS-84 5070399,2
Longitudine UTM WGS-84 392308,3
Quota ingresso 104
Data esecuzione posizione 14-02-2015
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 07x045m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 11
Autore posizione Malandrino Paolo
Gruppo appartenenza GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto
Autore posizione Lanza Giorgio
Gruppo appartenenza FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 4.1
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 14
Dislivello totale 14
Quota fondo 90
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dal piccolo piazzale antistante il Casello Ferroviario abbandonato della stazione di Duino, si attraversa la linea ferrata e si imbocca il sentiero che parte in direzione Ovest. Dopo poche decine di metri di percorso in leggera salita, si abbandona la traccia per puntare decisamente verso Ovest: oltrepassati alcuni arbusti, in una radura pietrosa, si apre l'imbocco della cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità Subito dopo lo stretto ingresso, il pozzo d'accesso si allarga e conduce ad un primo fondo, di materiale clastico, da cui partono due brevi prosecuzioni: la prima, (sez. B-B' del rilievo), conduce dopo un metro ad una strettoia impraticabile; la seconda dopo un breve tratto discendente, porta ad un altro salto, di circa 2,5m, che pone termine alla cavità.
Durante l'esplorazione non è stata rilevata circolazione d'aria.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 26-11-2000
Foto
Data dello scatto: 14-02-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: De Palo Gianni

Gruppo di appartenenza: FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar

Data dello scatto: 14-02-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: De Palo Gianni

Gruppo di appartenenza: FLONDAR - Gruppo Speleologico Flondar