Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6479 - Tina Jama

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Tina Jama
Nome principale sloveno
Numero catasto 6479
Numero catasto storico 6189VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 31-12-1970
Scopritore Gariboldi - Italo
Gruppo scopritore CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110064 - Rupinpiccolo
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5066101,0
Longitudine Gauss-Boaga 2424777,0
Latitudine WGS-84 45° 44' 30,1263" (45,74170174)
Longitudine WGS-84 13° 46' 33,0468" (13,77584632)
Latitudine UTM WGS-84 5066078,1
Longitudine UTM WGS-84 404771,0
Quota ingresso 473
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Marini Dario
Gruppo appartenenza JOSPDT - Jamarski odsek SPDTrst
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 5.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 1.2
Dislivello totale 1.2
Quota fondo 471.8
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si trova sul pendio terminale di un rilievo collinare (Monte Piskanec), all'interno di un "ograda", già adibita a ricovero pastorale. Davanti all'imbocco cresce un carpino nero di discreta misura.
Descrizione dei vani interni della cavità Segnalata dal Col. Gariboldi negli anni '70, con posizione largamente errata, fu catastata con il n° 817VG, poi assegnato ad altra cavità ed è stata rintracciata negli anni '90 da Elio Polli.
La caverna, che aveva un tempo maggiori dimensioni, è stata costituita da un unico vano dal suolo terroso, un tempo utilizzato per ricovero di ovini.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 01-01-2000