Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 645 - Risorgiva delle Argille

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Risorgiva delle Argille
Nome principale sloveno
Numero catasto 645
Numero catasto storico 3223VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune San Dorligo della Valle / Dolina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110152 - Draga Sant’Elia
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5052377,8
Longitudine Gauss-Boaga 2432387,3
Latitudine WGS-84 45° 37' 9,1644" (45,61921234)
Longitudine WGS-84 13° 52' 34,0574" (13,87612705)
Latitudine UTM WGS-84 5052355,0
Longitudine UTM WGS-84 412381,0
Quota ingresso 168
Data esecuzione posizione 06-07-2014
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 2,5m x 2m
Tipo ingresso Galleria
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Mikolic Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 25
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 7.5
Dislivello negativo
Dislivello totale 7.5
Quota fondo 168
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Per raggiungere questa singolare cavità si deve risalire il marcato canalone che incide il fianco della Val Rosandra dalla seconda galleria fino al torrente, sboccando nei pressi della paretina detta "del Chiodo". Una macchia di arbusti ne cela l'ingresso, altrimenti ben visibile dal sentiero di Bottazzo, costituito da un piccolo portale, alla destra del quale la parete è rotta da una grande nicchia dalle pareti levigate.
Descrizione dei vani interni della cavità Il primo tratto della cavità è quasi pianeggiante, ma più avanti il suolo inizia a salire rapidamente con una china che si fa sempre più erta, fino a formare una barriera, che si eleva fino alla volta, chiudendo la cavità; si tratta di una risorgiva ormai abbandonata, che deve però esser stata attiva in epoca relativamente recente. Il suolo è formato da argilla asciutta e tenace, che si stacca in blocchetti regolari. Un assaggio di scavo effettuato presso l'imbocco non ha dato resti preistorici.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 28-02-1960
Foto
Data dello scatto: 06-07-2014

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Magrin Enrico

Gruppo di appartenenza: SSC LINDNER - Società di Studi Carsici Antonio Federico Lindner

Data dello scatto: 06-07-2014

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Magrin Enrico

Gruppo di appartenenza: SSC LINDNER - Società di Studi Carsici Antonio Federico Lindner