Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6408 - Grotta degli Archetti

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta degli Archetti
Nome principale sloveno
Numero catasto 6408
Numero catasto storico 3719FR
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 11-08-1999
Scopritore Concina - Gabriele
Gruppo scopritore GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis
Data scoperta 11-08-1999
Scopritore Concina - Giorgio
Gruppo scopritore GS PRADIS - Gruppo Speleologico Pradis

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Clauzetto
Tipo carta < 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048112 - Tascans
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5125317,0
Longitudine Gauss-Boaga 2358585,0
Latitudine WGS-84 46° 15' 43,3219" (46,26203387)
Longitudine WGS-84 12° 54' 19,5336" (12,905426)
Latitudine UTM WGS-84 5125294,2
Longitudine UTM WGS-84 338581,1
Quota ingresso 577
Data esecuzione posizione 08-12-2006
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Casagrande Alberto
Gruppo appartenenza PRIVATO - Nessun gruppo di appartenenza
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 69
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 1.5
Dislivello negativo 19.9
Dislivello totale 21.4
Quota fondo 557.1
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dopo il cimitero di guerra di Pradis di Sopra, in Località Val da Ros, si segue la strada che porta a Pielungo. Dopo circa 1km, sulla destra della strada si trova uno spiazzo. Da qui parte una mulattiera che porta vicino all'ingresso della grotta dell'Arco Naturale (538/1249FR). A sinistra dello spiazzo, nel bosco, in mezzo ad un piccolo campo solcato, si trova l'esiguo imbocco della cavità. Alcuni metri più a valle si apre un pozzetto (p.ti A e B) profondo 5m, che è sicuramente collegato con una sala della grotta. Il pozzetto è probabilmente occluso da materiale di riempimento.
Descrizione dei vani interni della cavità Al di là dell'esiguo ingresso in discesa (pt.o 1) si trova un pozzetto di circa 3m che porta in una stanza bassa dalla quale, sulla destra, parte un meandro che prosegue per alcuni metri sia in salita (p.to 2) che in discesa (p.to 3), diventando presto impraticabile in entrambe le direzioni. Tornando alla stanzetta alla base del pozzo di 3m, sulla sinistra scende un lungo e stretto scivolo, inclinato a 45°, che termina in un'altra stanzetta (p.to 4).A destra, uno stretto cunicolo in salita porta ai vani più grandi della grotta.
La prima stanza, che ha un'altezza massima di 1,5m, è riempita nella parte centrale, da massi ciottoli (materiale di riempimento probabilmente gettato nel pozzetto esterno soprastante, distante dal soffitto della sala circa 7m, e che ha occluso il probabile collegamento).
A destra, un altro stretto passaggio (p.to 7) immette nella sala terminale.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 11-08-1999
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso