Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6402 - Voragine 4° presso quota 2074 a S del Monte Sart

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Voragine 4° presso quota 2074 a S del Monte Sart
Nome principale sloveno
Numero catasto 6402
Numero catasto storico 3713FR
Numero totale ingressi 2

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050011 - Monte Sart
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5137060,0
Longitudine Gauss-Boaga 2397394,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 32,8315" (46,37578652)
Longitudine WGS-84 13° 24' 20,5607" (13,40571131)
Latitudine UTM WGS-84 5137036,3
Longitudine UTM WGS-84 377389,7
Quota ingresso 2071
Data esecuzione posizione 06-08-1996
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 19
Autore posizione Mikolic Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 43
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 28.7
Dislivello totale 28.7
Quota fondo 2042.3
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso di questa voragine è una lunga spaccatura che si protende verso valle, divisa in due parti da un grande ponte naturale. Conviene scendere, in ogni caso, per l'ingresso maggiore, che è quello più a monte. Alla profondità di una decina di metri il pozzo si sdoppia. Da entrambi i rami si giunge in vani parzialmente riempiti da potenti cumuli di neve che, rispettivamente alla profondità di 28m e 18m, precludono ogni possibilità di avanzamento.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 06-08-1996