Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 6398 - Grotta dei Sessantenni

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta dei Sessantenni
Nome principale sloveno
Numero catasto 6398
Numero catasto storico 6163VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 15-05-1999
Scopritore Bone - Natale
Gruppo scopritore CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5060139,4
Longitudine Gauss-Boaga 2428486,1
Latitudine WGS-84 45° 41' 18,8" (45,68855556)
Longitudine WGS-84 13° 49' 28,7" (13,82463889)
Latitudine UTM WGS-84 5060116,6
Longitudine UTM WGS-84 408479,9
Quota ingresso 324
Data esecuzione posizione 20-05-2012
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1m x 0,8
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 9.5
Autore posizione Maizan Alberto
Gruppo appartenenza SAS - Società Adriatica di Speleologia
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 100
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 64.5
Dislivello totale 64.5
Quota fondo 259.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso Si
Prosecuzioni Prosecuzioni certe (accessibili)
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre sul lato SW di una dolina situata subito oltre la scarpata della collina dell'ex discarica di Trebiciano, in direzione Nord.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo d'accesso, piuttosto stretto all'inizio e con le pareti scabre, è impostato su una frattura orientata N-S ed è interrotto, verso la fine, da un ripiano formato da terra e sassi e stretto tra due pareti concrezionate (p.to 14 del rilievo). Alla base del saltino formato dal ripiano, uno scivolo terroso termina in un passaggio che si apre nella concrezione (p.to 13). Subito dopo gli ambienti si ampliano ed il pozzo successivo (P15), si presenta molto articolato e concrezionato. A 3m dal fondo (pt.o. 12), sul lato Sud, si apre una finestra che dà su un pozzo profondo 41m; sul lato opposto, alcuni metri più sopra, un'altra finestra porta al "Ramo Alto" (p.to 8), mentre sul fondo, proseguendo direzione Est, un basso passaggio (p.to 16) sbocca su un ampio pozzo di 20m, impostato su una frattura con orientamento WSW-ESE, che si presenta concrezionato solo nella sua prima parte. Il suo fondo (p.to 18) è costituito da depositi di argilla misti a pietre. Uno stretto pozzetto, il cui imbocco si apre a qualche metro da terra, conduce ad un primo fondo della cavità a -53m di profondità (p.to 19).
Tornando alla base del P15, un basso passaggio sul lato Nord (p.to 10) riconduce al Ramo Alto dove un pozzo di 9,3m di profondità è sormontato da un camino di 8m, alla cui sommità (p.ti 7-8) si trovano un'altra comunicazione con il P15 (p.to 8), una breve galleria meandriforme (p.ti 8-a-b-c-d) ed un pozzo scivolo (p.ti 6-7) che continua con un basso cunicolo. Questo angusto passaggio porta in un ambiente in salita (p.ti 5-1) formato da salette in cui l'aria sembra ristagnare. Tutta questa parte della grotta è abbellita da colate calcitiche e concrezioni. Uno stretto passaggio aperto a circa metà del pozzo di 9,3m, porta in una salettina sormontata da un camino (p.ti 10-a-b-c).
A 3m dal fondo del P15, una scomoda finestra porta sul P41, impostato per buona parte su una frattura orientata N-S e concrezionato quasi fino al fondo; dalla sua base parte una galleria in salita, lunga una cinquantina di metri e sviluppantesi in direzione SE. La galleria, che è larga, in media, 4m, nella sua prima parte è molto bassa ed ha il suolo costituito da sfasciumi ed il soffitto formato, in parte, da una frana cementata da calcite (pt.i. 20-23); successivamente il suolo si presenta in parte argilloso, in parte formato da crostello di concrezione ed il soffitto si innalza venendo quasi a formare una serie di sale molto concrezionate. Al termine della galleria, il soffitto si avvicina al pavimento (ora ricoperto da uno strato di argilla bruno giallastra molto tenace) fino a rendere quasi impossibile il passaggio. In quest'ultimo tratto, che dovrebbe trovarsi sotto al bordo dell'ex discarica delle immondizie di Trebiciano, sono stati notati alcuni cannelli calcitici ricoperti da una sostanza nerastra dovuta con molta probabilità agli scoli del sovrastante immondezzai
Rilievo Completo - Effettuato in data: 12-06-1999
Foto
Data dello scatto: 20-05-2012

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Maizan Alberto

Gruppo di appartenenza: SAS - Società Adriatica di Speleologia

Data dello scatto: 20-05-2012

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Maizan Alberto

Gruppo di appartenenza: SAS - Società Adriatica di Speleologia